Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

I casi di violenze commesse, siano esse fisiche o verbali, ai danni delle donne sono, purtroppo, quasi all'ordine del giorno nel nostro Paese. In Campania, l'anno scorso, nel 2018, sono stati 1258 i casi di violenza di cui sono state vittime le donne registrati. È quanto emerso dal rapporto annuale dell'Osservatorio sul fenomeno delle violenza sulle donne presentato quest'oggi nella sede del Consiglio regionale della Campania alla presenza del presidente Rosa D'Amelio, del presidente dell'Osservatorio Rosaria Bruno, dell'assessore alle Pari Opportunità e Formazioni Chiara Marciani e della deputata del Pd Valeria Valente. In occasione della presentazione del rapporto è stato presentato anche un nuovo software che, nel pieno rispetto della privacy, consentirà un aggiornamento costante della situazione.

Le più colpite sono le donne tra i 40 e i 49 anni

Il rapporto è stato redatto prendendo in esame i casi accertati, ovvero quelli in cui le donne vittime di violenza si sono rivolte ai servizi dei centri antiviolenza. La maggior parte degli episodi, ben 703, si sono registrati nella provincia di Napoli, seguita da quella di Salerno, con 248 casi. Il rapporto rivela che delle 1258 donne, il 30,32 percento ha una età compresa tra i 40 e i 49 anni. il 26,7 percento tra i 30 e i 39, mentre il 16,3 percento ha tra i 50 e i 59 anni. Inoltre, nel 40,5 percento dei casi, le donne che hanno subito violenza sono coniugate, mentre nel 30,7 percento dei casi non hanno un'occupazione, quindi dipendono economicamente dal marito.