Nella giornata di ieri è arrivata la notizia: Vittorio Feltri si è dimesso da giornalista. Ottavio Lucarelli, presidente dell'Ordine dei giornalisti della Campania, ha così commentato la notizia: "Una vittoria del presidente nazionale Carlo Verna, una vittoria dell'Ordine della Campania che ha presentato il primo esposto, una vittoria per l'informazione pulita, per Napoli e la Campania" ha scritto sulla sua pagina Facebook Lucarelli. A comunicare la scelta di Feltri è stato, nella giornata di ieri, il Giornale, quotidiano diretto da Alessandro Sallusti, che ha titolato in prima pagina: "Feltri si dimetta da giornalista". Sallusti scrive nell'articolo: "Perché lo abbia fatto lo spiegherà lui, ma io immagino che sia una scelta dolorosa per sottrarsi una volta per tutte all'accanimento con cui da anni l’Ordine dei giornalisti cerca di imbavagliarlo e limitarne la libertà di pensiero a colpi di processi disciplinari per presunti reati di opinione e continue minacce di sospensione e radiazione".

Conosciuto per le sue posizioni discutibili, soprattutto negli ultimi anni le sortite di Feltri contro Napoli e i meridionali in generale avevano sollevato polemiche. Lo scorso aprile, la goccia che ha fatto traboccare il vaso: ospite di Mario Giordano a "Fuori dal coro" su Rete 4, Feltri aveva sentenziato: "Credo che in molti casi i meridionali siano inferiori". L'Ordine dei giornalisti presenta un esposto all'Agcom, il garante delle comunicazioni, contro Feltri. Non solo: lo scrittore Maurizio De Giovanni e il senatore Sandro Ruotolo denunciato il giornalista lombardo sia in sede civile che penale, a tutela dei napoletani, dei campani e di tutti i meridionali, lesi dalle parole di Feltri.