Arturo Puoti e Manuel Bortuzzo si sono conosciuti ieri sera, 17 marzo, davanti alle telecamere di La7, ospiti in studio di “Non è l'arena”, condotta da Massimo Giletti. Tra i due è scattato un commovente e coinvolgente abbraccio quando si sono incontrati per la prima volta e si sono scambiati le loro esperienze di vittime incolpevoli di una violenza immotivata.

Manuel Bortuzzo, nuotatore veneto 19enne, è stato colpito da una pallottola vagante la notte del 3 febbraio scorso ed è rimasto paralizzato agli arti inferiori. Arturo Puoti è stato ferito gravemente il 18 dicembre 2017, quando aveva 17 anni, da un gruppo di ragazzini che lo hanno accoltellato a fianco, polmone e collo senza motivo, mentre stava passeggiando in via Foria, a Napoli.

“Ti voglio parlare come un fratello maggiore – ha detto Arturo, accovacciato davanti a Manuel per guardarsi negli occhi – so cosa vivi e cosa si prova. Tu stai reagendo in una maniera meravigliosa, Manuel. Io da questo punto di vista devo riconoscere alcuni miei errori, ma noto che tu non li stai facendo. Dovrai affrontare molti altri ostacoli, so che avrai dei momenti giù. Ti posso dire che è normale. E che quando senti di avere questi momenti bassi devi combattere per Martina e per loro, fratellone”.