Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

"Mi servono i soldi per mangiare". Si è giustificato così, davanti ai carabinieri, il parcheggiatore abusivo beccato dai carabinieri mentre gestiva la sosta ad Arzano, in provincia di Napoli. L'uomo, un 56enne incensurato, non ha però detto che quella che arrivava dal posteggio abusivo sarebbe stata un'entrata ulteriore, perché un introito già l'aveva: percepiva il Reddito di cittadinanza.

Il 56enne è stato fermato e multato dai militari nei pressi dell'Asl locale, in via Cardarelli. Non è stato denunciato penalmente perché non c'è reiterazione dell'illecito: è stata la prima volta in cui l'hanno sorpreso in flagrante, non era stato mai sanzionato prima. Ha cercato di giustificarsi coi militari dicendo di avere cominciato a fare l'abusivo spinto dalla necessità, in quanto disoccupato. Dai successivi accertamenti, però, è emerso che l'uomo riceveva già il Reddito di cittadinanza; ora si procederà con la revoca o la rimodulazione del beneficio.

Una storia simile era stata scoperta a fine novembre a Napoli, nei pressi della Stazione Centrale: in quel caso il guardamacchine, oltre a prendere il Reddito di cittadinanza, percepiva anche una pensione di invalidità; in casa gli agenti della Polfer gli avevano poi trovato delle ricevute di un albergo lussuoso del litorale laziale. In altri casi analoghi altri erano stati sorpresi a gestire la sosta nonostante ricevessero il sussidio governativo.

Sempre a Napoli, ma pochi giorni fa, è successo l'opposto: piazza Mazzini è stata ripulita da alcuni cittadini disoccupati percettori del Reddito di cittadinanza e tra loro c'erano anche degli ex parcheggiatori abusivi che dopo aver cominciato a prendere il sussidio hanno smesso.