Il richiamo del mare è stato troppo forte, così ha pensato di andare in spiaggia per fare un tuffo nonostante fosse sottoposto agli arresti domiciliari: un uomo di 55 anni – P.B le sue iniziali – è stato così arrestato dalla Polizia di Stato a Bagnoli, quartiere della periferia occidentale di Napoli. Nella fattispecie, gli agenti del locale commissariato, impegnati in controlli del territorio, si sono imbattuti nel 55enne in via Nisida, mentre questi si trovava all'esterno di un chiosco. Quando lo hanno controllato, l'uomo ha fornito ai poliziotti false generalità: nonostante questo, gli agenti sono riusciti a risalire alla sua identità e a scoprire che era sottoposto al regime cautelare degli arresti domiciliari. Alla domanda sul perché avesse violato la misura restrittiva e si fosse allontanato da casa, il 55enne ha risposto "per andare in spiaggia a fare un bagno": l'uomo è stato così arrestato per evasione dagli arresti domiciliari e denunciato per falsa attestazione sull'identità a Pubblico Ufficiale.

Alle prime luci di questa mattina, invece, i carabinieri hanno sgominato una banda di criminali dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti nelle zone frequentate da giovani e giovanissimi, soprattutto nel fine settimana, al Vomero, quartiere collinare di Napoli. Le indagini dei militari dell'Arma, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia partenopea, hanno rivelato che la banda finanziava l'attività di spaccio con i furti nelle scuole: vendendo la refurtiva acquisita illecitamente durante il furto in una scuola media, la banda ha comprato la droga da spacciare.