Uno scontro mortale quello avvenuto a Baronissi, su via Aldo Moro, la scorsa notte. E nel quale ha perso la vita Marco Aliberti, ventisei anni, giovane ingegnere del posto. La dinamica non è ancora chiara, ma ad avere la peggio è stato proprio il guidatore della motocicletta, che è volato sull'asfalto, battendo violentemente la testa sul marciapiede: l'impatto non gli ha lasciato scampo, troppo gravi le ferite riportate dal giovane. Lievi ferite ha riportato invece il giovane che era in sella alla sua bicicletta: le sue condizioni non desterebbero preoccupazioni, ma si trova in ospedale in stato di choc.

Tutta da chiarire la dinamica dell'incidente, avvenuto attorno alla mezzanotte su via Aldo Moro. I due procedevano in direzioni opposto, Marco Aliberti verso Baronissi, il ciclista nell'altra direzione. Poi lo scontro, con Marco che finisce a terra e batte la testa. Il ragazzo rientrava da una domenica al mare, e dopo aver riaccompagnato la fidanzata a casa, a Giovi, stava rientrando a Baronissi. Due le ambulanze giunte sul posto, assieme alle volanti dei carabinieri per i rilievi del caso. Il magistrato di turno ha già aperto un fascicolo sulla vicenda: la salma del giovane è stata sequestrata, ma non è ancora stato deciso se effettuare o meno un'autopsia. Solo dopo che sarà liberata, si potrà procedere ai funerali.  "Siamo profondamente colpiti e sgomenti per la tragedia di questa notte che ha portato via, in un incidente stradale, il nostro giovanissimo concittadino Marco Aliberti", ha detto Gianfranco Valiante, sindaco di Baronissi, "non doveva accadere. Piangiamo Marco, e ci stringiamo forte alla famiglia Aliberti". In tanti, in queste ore, stanno ricordando il giovane, molto conosciuto in tutta la cittadina salernitana.