immagine di repertorio
in foto: immagine di repertorio

Mano durissima del Questore di Taranto, che ha colpito con 67 Daspo (il divieto di accedere alle manifestazioni sportive) altrettanti ultras della Nocerina. L'episodio incriminato è avvenuto lo scorso 7 dicembre, durante la trasferta nel capoluogo pugliese dei tifosi rossoneri: a bordo del loro autobus, erano state ritrovate bombe carta, botti esplosivi di vario tipo ed altri oggetti pericolosi per la pubblica sicurezza.

Dalle indagini effettuate, è emerso anche che alcuni dei tifosi della Nocerina fossero ritenuti pericolosi per il loro comportamento aggressivo, e così è scattata la segnalazione alla Questura tarantina che, un mese dopo, ha deciso di emanare un Daspo nei confronti di 67 ultras molossi per la durata di un anno e senza obbligo di firma. Il gruppo, quindi, dovrà restare lontano dai campi di gioco almeno fino al 2021. Sul campo "Erasmo Iacovone" di Taranto, invece, la squadra nocerina era riuscita poi ad imporsi per uno a zero, con una rete di Liurni. Fuori dal campo, invece, così come sulle tribune, non si sono registrati episodi di violenza tra tifosi.

Pochi giorni prima del match del 7 dicembre, vi era stato un episodio simile ma da parte dei tifosi del Foggia in trasferta proprio a Nocera per il match contro i molossi: in quell'occasione, erano stati trovati ultras foggiani in possesso di sciarpe, bandiere e simboli nazifascisti, mentre prima del match si erano registrati anche scontri tra i tifosi. Al termine delle indagini, vennero emessi decine di Daspo verso i tifosi foggiani.