Sono 4.418 le domande per i buoni-spesa per il Coronavirus arrivate al Comune di Salerno, non solo in formato cartaceo, ma anche tramite email e messaggi WhatsApp. Si tratta dei voucher, finanziati con i fondi della Protezione Civile, che saranno distribuiti alle famiglie bisognose,  che si siano trovate in condizioni di gravissimo disagio economico a causa del Coronavirus, per fare la spesa dei beni di prima necessità nei supermercati convenzionati. "Salerno – spiega l'Assessore alle Politiche Sociali Nino Savastano – è tra le poche città di media grandezza ad aver attuato con successo questo modello organizzativo che è certamente più complesso da gestire per la civica amministrazione ma è , ed è questa la priorità, più accessibile e fruibile per la popolazione. Ha funzionato benissimo la sinergia tra le attività del Settore Politiche Sociali e dei Segretariati di Zona, la Protezione Civile e le Associazioni del Terzo Settore che hanno garantito la consegna domiciliare dei moduli".

Il sindaco Napoli: "Nessuno sarà lasciato solo"

"A Salerno – dichiara il sindaco Vincenzo Napoli – nessuno sarà lasciato solo. Confermiamo l'impegno di consegnare tutti i buoni spesa a tutti gli aventi diritto entro la Pasqua allo scopo di donare, per quanto possibile, un poco di serenità alle persone ed alle famiglie più in difficoltà. La consegna dei buoni spesa avverrà direttamente al domicilio dei beneficiari sempre con l'intento di scongiurare code ed inutili uscite di casa.Naturalmente oltre a questa misura dei buoni spesa, il Comune di Salerno continua a sostenere le numerose iniziative solidali da parte di associazioni, imprenditori, categorie commerciali che stanno raccogliendo viveri e beni di prima necessità da distribuire alla popolazione. Il cuore di Salerno batte forte e generoso".

I Comune: "oltre 4mila istanze, zero code"

"Al Comune di Salerno – spiega in una nota il Municipio – sono pervenute complessivamente 4418 istanze, che confermano in termini statistici il raggiungimento di tutti i potenziali destinatari della misura in relazione alla popolazione residente ed al monitoraggio abituale del bisogno eseguito dal Settore Politiche Sociali del Comune di Salerno. Più in dettaglio sono pervenute 1608 domande a mezzo e-mail, 1520 a mezzo Whatsapp, 1288 in formato cartaceo. Numeri che bene rendono la complessità dell'operazione realizzata in maniera tale da consentire anche a chi non ha accesso alle tecnologie infomatiche di poter richiedere il beneficio senza code presso i 12 uffici designati alla raccolta. Le pratiche sono adesso in corso di lavorazione con una task force dedicata del Comune di Salerno per la verifica dei requisiti e l'eventuale richiesta di integrazioni. Si procederà poi, senza soluzione di continuità alla consegna dei buoni spesa".