Stefano Caldoro, capo dell'opposizione di centrodestra nel Consiglio Regionale della Campania, chiede a Palazzo Santa Lucia il "ritiro immediato" delle mascherine ancora da distribuire alla popolazione, e che venga spiegato ai cittadini di non utilizzarle. Caldoro ha commentato così l'inchiesta di Fanpage.it pubblicata nelle scorse ore, nelle quali viene mostrata l'inefficacia delle mascherine distribuiti ai cittadini della Regione Campania e fortemente volute da Vincenzo De Luca.

Pagate tre milioni di euro e distribuite gratuitamente ai cittadini della Regione, nell'inchiesta di Fanpage.it viene mostrato come a produrle siano aziende di diversi settori che, come spiegato da un imprenditore "grazie alla legge in deroga, pensano di poter fare di tutto", sottolineando anche come usare le mascherine della Regione Campania sia "come mettersi un foulard in faccia". Mascherine che, come mostrato, hanno bassa efficacia nel trattenere la saliva e sono di scarsa qualità.

"Questa inchiesta impone la massima prudenza", ha commentato Stefano Caldoro, "la Regione ritiri immediatamente tutte le mascherine ancora non utilizzate e informi i cittadini di non usare quelle ricevute a casa. Il costo del singolo pezzo supera di molto quello medio dei più usati dispositivi medici, in più le mascherine comprate e distribuite dalla Regione non difendono dal contagio, anzi inducono a far credere ai cittadini di essere protetti", ha concluso Caldoro. Già da tempo, i gruppi consiliari di Palazzo Santa Lucia avevano chiesto che fossero resi noti i test di laboratorio delle mascherine distribuite. Anche Michele Schiano di Visconti, consigliere regionale di Fratelli d'Italia, ha commentato l'inchiesta di Fanpage.it dicendo che "le mascherine distribuite dalla Regione sono inutili. De Luca renda noti gli studi di laboratorio, dia garanzie ai cittadini. Ci auguriamo non abbia speso 3 milioni di euro per un mega spot elettorale".