4 Ottobre 2018
13:04

Colera a Napoli, le condizioni aggiornate dei due contagiati

Migliorano le condizioni del bambino di due anni e di sua madre, ricoverato ieri all’ospedale Cotugno di Napoli perché affetti da colera. Entrambi hanno contratto la malattia in Bangladesh, di cui sono originari e dal quale erano appena tornati. Sono in corso controlli anche sugli altri componenti del nucleo familiare, ma per ora si escludono contagi.
A cura di Valerio Papadia

Sono in netto miglioramento le condizioni di salute della madre e di suo figlio, un bambino di due anni, che ieri sono stati ricoverati all'ospedale Cotugno di Napoli dopo essere stati contagiati dal colera. I due, originari del Bangladesh ma residenti a Sant'Arpino, nella provincia di Caserta, avrebbero contratto la malattia proprio nel loro Paese d'origine, dal quale sono appena tornati. Le condizioni del piccolo sono in netto miglioramento, mentre quelle della madre, che già ieri non destavano particolare preoccupazione, sono invece stazionarie. Ricoverato anche l'altro figlio della donna, un bimbo di 4 anni, ma soltanto in via precauzionale: il piccolo, infatti, non ha mai presentato i sintomi della malattia infettiva.

Al Cotugno, sempre in via precauzionale, sono ricoverati anche i familiari dei due contagiati, che si stanno sottoponendo a tutti gli esami clinici del caso per scongiurare altri eventuali contagi, che la momento, ad ogni modo, sono assolutamente esclusi. Ieri, anche l'Istituto superiore di sanità aveva scongiurato una diffusione della malattia, affermando che non esiste alcun rischio che possa diffondersi una epidemia di colera.

Traghetti per Ischia, la situazione aggiornata dei collegamenti dopo la frana
Traghetti per Ischia, la situazione aggiornata dei collegamenti dopo la frana
Il meteorologo:
Il meteorologo: "Domani maltempo su Napoli, tanti rischi per le mareggiate"
Terremoto Napoli, due scosse nei Campi Flegrei a distanza di un minuto: la prima è stata forte
Terremoto Napoli, due scosse nei Campi Flegrei a distanza di un minuto: la prima è stata forte
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni