Il 10 febbraio 2020 inizieranno le prove scritte del maxi concorso Ripam per la Regione Campania. Lo ha annunciato Formez, sul proprio sito ufficiale. Per quanto riguarda cinque profili della categoria D, è stato già reso noto il calendario: per gli altri tre profili, CID/CAM, ITD/CAM e CUD/CAM, il calendario "sarà fissato e reso noto a breve", ha fatto sapere ancora Formez. Il concorso riguarda il reclutamento di 950 unità di personale che saranno poi dislocati presso la Regione Campania, il Consiglio Regionale della Campania e gli Enti Locali della Regione stessa.

Le date delle prove scritte (Categoria D)

Le prove per la categoria D, che inizieranno il 10 febbraio, si svolgeranno al Palapartenope, in via Corrado Barbagallo, 115. Per ogni profilo, ci sarà un giorno diverso in cui svolgere la prova scritta:

L'avvocato Pisani: "Troppe violazioni, si ripetano le prove"

"Annullare immediatamente la procedura concorsuale e procedere alla indizione di un nuovo concorso, salvo rispondere di tutti i danni". Questo il parere dell'avvocato Angelo Pisani che, assieme al collega Vittorio Scaringia, è stato incaricato da alcuni candidati di verificare la correttezza dello stesso. "il Formez ha, in data 11.11.2019, pubblicato i risultati provvisori di superamento della prova preselettiva, poi, a causa di disguidi tecnici relativi alle impostazioni del software di correzione, ha, in data 17 dicembre 2019, corretto e modificato i precedenti risultati ed infine, sempre a causa di problemi riguardati il sistema informatico di correzione degli elaborati, ha, in data 23 gennaio 2020, nuovamente corretto le prove, stravolgendo di fatto per ben 3 volte la graduatoria degli ammessi alla fase successiva del concorso", hanno spiegato in una nota i due avvocati, che spiegano come al termine di questa procedura "candidati esclusi al primo scrutinio, sono stati poi riammessi con la seconda correzione ed infine, definitivamente esclusi a seguito dell’ultima valutazione". Da qui, la richiesta "alla luce delle numerose illegittimità perpetrate dal Formez ed al fine di ripristinare la par condicio di tutti i candidati" di "annullare immediatamente, in via di autotutela, la procedura concorsuale ed a procedere alla indizione di un nuovo concorso, salvo rispondere di tutti i danni".