Si torna a parlare dei controlli effettuati all'interno del Liceo Jacopo Sannazaro del quartiere Vomero. Stavolta però non è per la protesta di qualche genitore, che aveva forse inopportunamente chiosato "Li andassero a fare a Scampia". Anzi: stavolta è una contro-protesta di molti dei genitori di alunni del liceo vomerese, proprio contro questa affermazione ed a sostegno, soprattutto, dell'iniziativa del dirigente scolastico.

Lei, Maria Filippone, aveva già raccontato ieri a Fanpage.it che "i carabinieri i controlli li fanno ovunque, ed anzi auspico controlli su tutto il territorio, senza alcuna differenza tra Scampia, Vomero o centro storico", ribadendo anche la bontà della propria scelta. E quest'oggi, molti genitori del liceo Sannazaro (e non solo) le hanno dato ragione. "Sono madre di una studentessa del Sannazaro e sono contentissima di questi controlli. Fanno sempre bene e danno un senso di sicurezza per i ragazzi. Inoltre dove girano soldi più facilmente ci possono essere problemi del genere. Questi controlli non fanno mai male", ha spiegato una delle madri dei giovani studenti del liceo vomerese. E non è l'unica. C'è chi plaude alla decisione della preside ("Sono favorevole ai controlli, anzi se li facessero più frequentemente mi sentirei più tranquilla dal momento che nelle ore in cui mio figlio è a scuola io mi ritrovo in un'altra parte della città ad insegnare in una scuola lontana dal Vomero"), e chi ha ricordato che "due grammi di hashish in uno sciacquone li hanno trovati. Dunque invece di difenderli a prescindere, questi genitori dovrebbero essere più vigili verso i propri figli". Dello stesso avviso anche una delle insegnanti del liceo stesso, che ha raccontato l'ispezione: "I carabinieri con un bel cagnolone sono entrati in una mia classe con serenità, invitando chi aveva paura dei cani ad uscire dall'aula. I miei ragazzi sono rimasti ognuno al suo posto, alcuni hanno accarezzato il cane che, guidato al guinzaglio da un carabiniere, ha fatto il giro dell'aula, annusando. Tutto in pochi minuti, molto serenamente". Insomma, la battuta infelice di qualche genitore nelle ore immediate ai controlli, si è persa nell'etere: la stragrande maggioranza dei genitori ha invece plaudito alla scelta della preside.