Il bollettino dei contagi Covid-19 in Campania fornisce dei dati che non destano preoccupazione per nuovi focolai anche se – come spiegano gli epidemiologi – nel complesso la battaglia per sradicare il virus che tante vittime ha seminato non è terminata, in Italia come nel resto del mondo.

Sul territorio campano oggi, 13 luglio, risultato 7 nuove persone positive su 530 tamponi effettuati per un totale di 4.779 positivi dall'inizio della pandemia su oltre 300mila tamponi, numero che tuttavia è molto basso rispetto alle altre grandi regioni del Paese. Nessun deceduto e nessun nuovo guarito si registra nella giornata di oggi: il totale dei morti accertati di Covid-19 in Campania è 432.

La vera preoccupazione di ieri è su un altro aspetto: c'è nel Napoletano (Pozzuoli) una persona risultata positiva al Covid-19 che aveva già contratto il virus mesi fa e si è ripositivizzata. Si tratta di qualcosa di noto alla scienza che in questi mesi sta studiando il nuovo Coronavirus, ovvero che i guariti non hanno una immunità perenne successivamente ma possono purtroppo avere una drammatica ricaduta. Nel grosso centro del Puteolano non ci sono tuttavia focolai. Da questo punto di vista, sotto controllo il focolaio di Mondragone (Caserta), nei palazzi ex Cirio, dove si stanno svolgendo indagini sierologiche a tappeto e si monitora ancora il Serinese (Avellino) dove pure sono stati segnalati contagi in aumento. A Salerno invece il sindaco Vincenzo Napoli ha già detto che l'Asl ha ricostruito tutti i contatti delle persone poi risultate positive al test Covid e si stanno seguendo tutte le procedure di quarantena previste in queste situazioni-