La Regione Campania ha sospeso il versamento delle rate delle ingiunzioni e gli accertamenti su tasse e tributi, per via dell'emergenza epidemiologica da Covid-19 in corso. Il provvedimento riguarda i contribuenti che vivono in Campania o che hanno nel territorio regionale la sede legale o operativa. Intanto, nelle scorse ore è stato ufficializzato l'arrivo dell'Esercito in Campania per le verifiche sulle norme anti contagio: i militari saranno al fianco delle forze dell'ordine per controllare il rispetto dei decreti, saranno impiegati nelle aree che di volta in volta verranno segnalate alla Regione.

Nello specifico, come si legge nella nota inviata da Palazzo Santa Lucia, è stata disposta la sospensione (dall'8 marzo al 31 maggio 2020) delle attività di accertamento e controllo relative ai tributi ed alle altre entrate di competenza della Direzione Generale Entrate e Politiche Tributarie, ovvero tassa automobilistica, IRBA, IRESA, ARISGAN, TSDD e tassa abilitazione professionale; la sospensione, sempre nel periodo dall'8 marzo al 31 maggio 2020, delle attività relative ad atti e provvedimenti cautelari ed esecutivi poste in essere per i medesimi tributi ed entrate dal concessionario della riscossione R.T.I. Municipia S.p.A./ABACO S.p.A; è stata infine disposta la sospensione dei versamenti delle rate relative alle ingiunzioni in scadenza il 31 marzo, il 30 aprile e il 31 maggio 2020, senza che il contribuente incorra nella decadenza automatica della rateizzazione

Poche ore fa la Regione ha inoltre comunicato che anche l'Esercito prenderà parte ai controlli in strada, affiancando Polizia di Stato e Carabinieri, per verificare il rispetto dei decreti anti contagio da coronavirus; una decisione che è arrivata in seguito a due solleciti da parte del presidente Vincenzo De Luca, motivati dagli esiti dei pattugliamenti delle forze dell'ordine: malgrado i servizi di informazione e sensibilizzazione, e nonostante le denunce, sono ancora molti quelli che continuano a lasciare le abitazioni senza avere un valido motivo.