Dati incoraggianti per quanto riguarda le previsioni dei contagi per il coronavirus in Campania. Casi che, stando alle ultimi analisi, sembrerebbero davvero in calo, confermando il trend nazionale. E che potrebbero portare in un futuro neanche troppo lontano alle prime "riaperture" sulle misure adottate per contrastare l'espansione del virus stesso. L'ultimo grafico elaborato dal team di fisici composto da Clementina Sasso (Inaf, Istituto Nazionale Astrofisica), Maria Rosaria Santovito (Co.Ri.S.T.A., Consorzio di Ricerca su Sistemi di Telesensori Avanzati), Raffaele Liuzzi e Giorgio Punzo (CNR, Consiglio Nazionale delle Ricerche), e che riguarda l'andamento della percentuale dei tamponi positivi rispetto al numero di tamponi effettuati per la regione Campania, lascia davvero ben sperare.

"Misure funzionano, continuare con la quarantena"

Il grafico conferma dunque che la curva di contagi sta prendendo la strada decisiva verso la discesa. Questo a indicare che i casi di contagio tra gli individui possono essere davvero stati molto limitati (al momento, gli attualmente positivi sono poco sotto quota duemila, su una popolazione di oltre cinque milioni di residenti), e che dunque le misure restrittive possano aver funzionato. Ma questo non deve però trarre in inganno: la quarantena dovrà continuare. Solo così la curva di contagi si avvierà verso quella percentuale di tamponi positivi ogni mille sotto quota 2%, che vorrebbe dire davvero fine dell'emergenza. "Continuiamo con le nostre raccomandazioni a restare a casa e limitare quanto più possibile i contatti con gli altri", spiega il team, "perché è proprio grazie a questi comportamenti responsabili che possiamo sperare di vedere l'esaurirsi della pandemia nella nostra Regione entro fine aprile".

Entro il 20 aprile la possibile fine dell'emergenza

I punti blu che si trovano sul grafico rappresentano la percentuale di tamponi positivi rispetto al numero totale di tamponi effettuati. La linea rossa, che rappresenta appunto l'andamento dei contagi, sembra quindi indicare che il picco (ovvero la massima percentuale di tamponi positivi) potrebbe essere già stata superata, e che dunque ora la strada è in discesa. Entro il 20 aprile, leggendo il grafico, la percentuale di tamponi positivi rispetto a quelli effettuati dovrebbe arrivare sotto l'1% e dunque segnerebbe la "fine" dell'emergenza in regione. Entro quel giorno, infatti, le previsioni indicano che potrebbero esserci un massimo di circa 3.500 (numero che dovrebbe oscillare tra 3.100 e 3.900) casi positivi in Regione, considerando sempre un massimo di circa 1.500 tamponi effettuati in un giorno.

I numeri del coronavirus in Campania

Ad oggi, mercoledì 1° aprile, i contagiati in Campania sono 2.231: di questi, 107 guariti e 148 deceduti, che portano il totale degli attualmente positivi a 1.976 persone, di cui 1.369 in isolamento domestico, 478 ricoverati con lievi sintomi e 129 in terapia intensiva. Per quanto riguarda le province campane questa la suddivisione dei contagiati:

  • Provincia di Napoli: 1.161 (di cui 507 Napoli Città e 654 Napoli provincia)
  • Provincia di Salerno: 360
  • Provincia di Avellino: 258
  • Provincia di Caserta: 238
  • Provincia di Benevento: 81
  • Altri in fase di verifica Asl: 133