L'Unità di Crisi della Regione Campania ha diffuso i dati aggiornati alle ore 22 di oggi, 3 aprile, sui tamponi analizzati nei dieci laboratori regionali. Oggi i nuovi positivi sono 151, sale quindi a 2.828 quello complessivo dei positivi in Campania. Sono stati effettuati 2.297 tamponi, la percentuale è quindi del 6,5%; il totale dei tamponi effettuati dall'inizio dell'epidemia è di 21.534.

Nel dettaglio, alle 22 di oggi sono arrivati alla Regione Campania i seguenti dati:

  • Ospedale Cotugno di Napoli: sono stati esaminati  485 tamponi di cui 27 positivi;
  • Ospedale Ruggi di Salerno:  sono stati esaminati 269 tamponi di cui 21 positivi;
  • Ospedale Sant'Anna di Caserta: sono stati esaminati 74 tamponi di cui 1 positivo;
  • ASL di Caserta presidi di Aversa e Marcianise: sono stati esaminati   165 tamponi di cui 18 positivi;
  • Ospedale Moscati di Avellino: sono stati esaminati  226 tamponi di cui  12 positivi;
  • Azienda Universitaria Federico II: sono stati esaminati 129 tamponi di cui 11 positivi;
  • Ospedale San Paolo di Napoli: sono stati esaminati 143 tamponi di cui 17 positivi
  • Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno: sono stati esaminati 588  tamponi di cui 34 positivi;
  • Ospedale San Pio di Benevento: sono stati esaminati 30 tamponi di cui 1 positivo;
  • Ospedale di Eboli: sono stati esaminati 188 tamponi di cui 9 positivi.

Secondo i dati diffusi oggi pomeriggio dalla Protezione Civile, i decessi in Campania sono 181 dall'inizio dell'epidemia (14 oggi). I guariti sono invece 144; sembrerebbe siano 5 in meno di ieri (erano 149), ma in realtà la differenza è spiegata dal fatto che il numero viene ricavato sommando i pazienti clinicamente guariti a quelli completamente guariti. Nelle ultime ore, quindi, alcuni pazienti clinicamente guariti hanno nuovamente mostrato dei sintomi; i pazienti completamente guariti, invece, sono nove in più rispetto a ieri.

Più che i numeri assoluti dei bollettini ufficiali di contagiati, guariti e deceduti dal Coronavirus in Regione Campania, occorre sforzarsi di guardare le curve settimanali: posto che dipendono dal numero di tamponi effettuati, possono restituire almeno un accenno di tendenza rispetto ai giorni precedenti. La sensazione è che in Campania il picco sia per ora alle spalle ma che continuino comunque ad aumentare i contagiati in relazione al maggior numero di tamponi effettuati. La Campania sta effettuando – non a tappeto come il Veneto – test veloci ma anche molti test sierologici, i più attendibili. Sul nostro territorio ci sono 7 laboratori pubblici fra Napoli, Caserta e Benevento che li effettuano.

Le incognite sono due: la prima è se tra Pasqua e Pasquetta le misure di contenimento dell'affollamento e distanziamento sociale previste da governo e ulteriormente inasprite dalla Regione Campania saranno rispettate. La seconda è se il numero di deceduti continuerà a salire a causa dei focolai nelle case di cura campane, dove si registrano numerosi malati di Covid-19 e dove, in ragione dell'età avanzata dei positivi, è purtroppo facile e temibile intuire un decorso negativo dalla patologia.