Ancora un gesto di solidarietà da parte della Cina nei confronti dell'Italia, con le due nazioni unite a combattere il Coronavirus. Zte, multinazionale cinese che si occupa di prodotti e servizi per le telecomunicazioni, ha donato apparecchiature speciali, nella fattispecie 5 ventilatori, all'Ospedale del Mare di Napoli, cosiddetta Covid Unit, ovvero uno dei nosocomi della Campania impegnati nell'emergenza Coronavirus. La Zte ha sede principale e Shenzen e in Italia ha 14 filiali dislocate da Nord a Sud: grazie a un volo cargo proveniente appunto dalla Cina e atterrato a Milano Malpensa, l'azienda ha potuto provvedere a far arrivare, grazie anche all'intervento della Protezione Civile, all'Ospedale del Mare di Napoli i 5 ventilatori modello Vg70, prodotti a Pechino dalla Beijing Aenomed Co. Ltd, azienda cinese impegnata nella ricerca e nello sviluppo di apparati per respiratori.

"Per combattere il virus, sono importanti sia la piena collaborazione che gli sforzi congiunti di tutti. Comprendiamo la situazione di estrema emergenza qui in Italia, e il tempismo e' cruciale. Come impresa, Zte vuole fare del suo meglio per contribuire come puo' alla gestione di questa emergenza e di questa epidemia. Proprio per questo, per Napoli, abbiamo fatto arrivare e messo in funzione i respiratori nel minor tempo possibile. Stiamo anche continuando a fare del nostro meglio per fornire supporto per qualsiasi esigenza fondamentale nelle Telecomunicazioni" ha dichiarato Hu Kun, Ceo di Zte Italia e presidente di Western Europe.

Per fronteggiare l'emergenza Coronavirus, proprio all'Ospedale del Mare, precisamente nel piazzale, è in costruzione un ospedale da campo che ospiterà 72 posti letto in Terapia Intensiva. Il 6 aprile dovrebbero essere attivi i primi 24 posti, 48 entro il 13 aprile, mentre entro il 20 del mese dovrebbero essere pronti tutti i 72 posti di Terapia Intensiva.