La tensione per la visita del ministro dell'Interno Matteo Salvini a Napoli era già palpabile da questa mattina, ma si è intensificata pochi minuti fa. Il culmine si è raggiunto durante il corteo organizzato per manifestare contro la presenza del leader della Lega in città: quando i manifestanti hanno raggiunto piazza Trieste e Trento, diretti alla Prefettura, dove il vicepremier ha partecipato a un vertice sulla sicurezza, sono stati fermati dalla polizia, che ha cominciato le cariche. Nel parapiglia, durato comunque non più di qualche secondo – gli agenti hanno ristabilito subito l'ordine – un funzionario della Polizia di Stato sarebbe rimasto contuso in maniera non grave: da quanto si apprende, durante la carica, sarebbe involontariamente stato colpito da un collega. Il corteo, dopo i tafferugli, ha comunque raggiunto piazza del Plebiscito e l'ingresso della Prefettura: i manifestanti sono comunque rimasti a debita distanza, dietro le transenne debitamente predisposte.

Il corteo contro Salvini a Napoli

Il corteo è partito intorno alle 18 da largo Berlinguer, nei pressi di via Toledo, nel cuore di Napoli. La polizia, che ha seguito i manifestanti, tenendoli d'occhio, ha dato l'autorizzazione affinché il corteo raggiungesse la Prefettura. Tutto si è svolto in maniera pacifica, con i contestatori che hanno esposto striscioni contro la Lega e il ministro dell'Interno Salvini, fino a quando il corteo non è arrivato, come detto, in piazza Trieste e Trento, dove gli animi si sono esacerbati e gli agenti, in assetto antisommossa, hanno caricato i manifestanti. Oltre al funzionario di polizia, non si hanno notizie di altri feriti.