È un botta e risposta senza esclusione di colpi, quello fra il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e il ministro dell'Interno e leader della Lega Nord Matteo Salvini. Antefatto: il sindaco partenopeo ha dichiarato che non applicherà la parte del decreto sicurezza sui migranti, il vicepremier ha chiesto le sue dimissioni e ora, intervistato da Fanpage.it l'ex pubblico ministero, da 8 anni a Palazzo San Giacomo replica con asprezza: "Dimissioni? Secondo me forse si dovrebbe dimettere chi sta violando la costituzione avendo giurato fedeltà alla Costituzione – dichiara De Magistris a Fanapge.it. È un tradimento politico e istituzionale".

De Magistris si rivolge ancora al ministro dell'Interno: "Caro Salvini – dichiara – noi facciamo i sindaci eletti direttamente del popolo e non sarai di certo tu a dirci cosa dobbiamo fare. Noi governiamo nell’interesse delle nostre comunità lo facciamo rispettandola costituzione e le leggi interpretate in maniera costituzionalmente orientata e soprattutto a differenza tua, caro Salvini, rimanendo umani. Noi siamo umani, non siamo come te che hai messo la pietra al posto del cuore. C’è una grande differenza umana. Tu sarai pure ministro della Repubblica, io sono contentissimo di essere un piccolo sindaco di una grande capitale del mondo".