NAPOLI – Si svolgeranno domani, sabato 2 febbraio, i funerali del piccolo Giuseppe, 7 anni, il bambino ucciso a Cardito lo scorso 27 gennaio dalle botte del patrigno, Tony Essobti Badre. Fino a questo pomeriggio i giudici, chiamati a prendere una decisione in merito alle esequie, non si erano ancora pronunciati: adesso sono state invece sciolte le riserve. I funerali si svolgeranno alle 15.30 a Pompei, nella provincia di Napoli, nella chiesa di San Giuseppe in via Aldo Moro: ad officiarli sarà il vescovo di Pompei Tommaso Caputo. I giudici, dunque, sembrano aver considerato le richieste del padre naturale del bimbo, residente appunto nella città mariana: la madre, invece, non si era pronunciata in merito: ad entrambi è stata sospesa la potestà genitoriale sulle altre due figlie, la piccola di 4 anni – già ospite in una struttura protetta – e la sorella maggiore, anche lei vittima del violento pestaggio del patrigno e ricoverata all'ospedale Santobono di Napoli.

Anche il Comune di Cardito, città che aveva "adottato" i bambini e che è rimasta sconvolta dall'accaduto, si era reso disponibile affinché i funerali del piccolo Giuseppe si celebrassero sul territorio: l'amministrazione comunale si era addirittura offerta di farsi carico delle spese delle esequie. A Cardito i bambini si erano trasferiti da poco insieme alla madre, che aveva deciso di seguire il suo nuovo compagno, e quindi non c'è nessun parente stretto del piccolo Giuseppe.