Vincenzo De Luca e Giuseppe Conte. [Foto / Regione Campania]
in foto: Vincenzo De Luca e Giuseppe Conte. [Foto / Regione Campania]

Un incontro (quasi) a sorpresa quello tenutosi a Palazzo Chigi tra il Governatore della Campania Vincenzo De Luca ed il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Appena ventiquattro ore prima, lo stesso premier Conte era a Napoli per la cerimonia di chiusura delle Universiadi 2019, ma i due non si erano incontrati visto che il presidente De Luca non era presente alla cerimonia. I due non si incontravano da giugno scorso, quando Conte era stato in visita a Napoli ed aveva incontrato il governatore campano ad un convegno sul Sud.

Due i temi di cui si è discusso all'incontro: la sanità e l'autonomia differenziata delle Regioni. Sul primo, De Luca ha spiegato al premier di aver raggiunto, a suo avviso, l'equilibrio di bilancio nonché i risultati ottenuti nella griglia dei Livelli Essenziali Assistenza (Lea), spiegando dunque che il commissariamento della Sanità campana non sarebbe più sostenibile. Il governatore De Luca, infatti, ha da tempo assunto anche la delega della Sanità pubblica regionale, di fatto commissariata perché trovata in condizioni disastrose.

Un ruolo che De Luca ricevette direttamente da Palazzo Chigi nel dicembre 2017, quando però al governo c'era Gentiloni (Partito Democratico), da poco subentrato a Matteo Renzi, ed il ministro della Sanità era Beatrice Lorenzin (Alternativa Popolare, successore del Nuovo Centro Destra di Angelino Alfano). Ma dalla nomina di Giulia Grillo (Movimento Cinque Stelle) alla Sanità nel nuovo governo di Giuseppe Conte, diverse voci si erano levate contro questa nomina, contestatissima soprattutto dal Movimento Cinque Stelle: tanto che nel dicembre 2018, il Senato aveva approvato un emendamento che ripristinava l'incompatibilità tra le cariche di governatore di Regione e Commissario di Governo, con la senatrice grillina Silvana Giannuzzi, originaria di Pozzuoli, che su Facebook esultò senza mezze misure con: "Un giorno buono per la Campania".

L'altro punto di cui si è discusso, è quello dell'autonomia differenziata delle regioni: un punto sul quale Vincenzo De Luca, pur confermando la piena disponibilità della Campania, ha sottolineato che questa disponibilità avverrà "nel quadro dell’Unita nazionale e di una tutela corretta degli interessi delle comunità meridionali come previsto dalla Costituzione", fa sapere una nota della Regione Campania a margine dell'incontro. Entrambe le questioni saranno approfondite nei prossimi giorni, ha fatto sapere Palazzo Chigi.