Il 4 marzo 2018 sono in programma le elezioni politiche, che si svolgeranno in tutta Italia per decidere quale sarà il partito o coalizione destinato a governare il Paese per i prossimi 5 anni di legislatura. La votazione avverrà secondo il nuovo sistema elettorale, stabilito dalla legge, il cosiddetto Rosatellum, approvata lo scorso ottobre: si tratta di un meccanismo misto, per cui un terzo dei seggi tra Camera e Senato sarà eletto in scontri diretti nei collegi uninominali e i restanti due terzi con sistema proporzionale. Tra le novità, c'è proprio la divisione di tutto il territorio nazionale in collegi uninominali, collegi plurinominali e in circoscrizioni. La Campania nello specifico è divisa in 2 circoscrizioni: Napoli e provincia da un lato fanno parte di Campania 1, mentre Avellino, Benevento, Caserta e Salerno, con le rispettive province, rientrano in Campania 2. Napoli è poi divisa a sua volta in 12 collegi uninominali: 4 sono quelli del Comune di Napoli, 8 quelli della provincia. Si ricorda che a Montecitorio, dei 60 seggi disponibili a livello regionale, 22 proverranno dal sistema uninominale e 38 da quello proporzionale, mentre i senatori saranno complessivamente 29, dei quali 11 dall’uninominale e 18 dal proporzionale.

Come e dove votare: le differenze tra Camera e Senato

Alla Camera per la provincia di Napoli, chiamata Campania 1, ci saranno, dunque, dodici collegi uninominali. Qui vince il candidato che prende un voto in più, indipendentemente da quello che fa il partito: è questo il cuore del sistema maggioritario. Undici sono invece i collegi uninominali per il Senato, i cui collegi sono ottenuti accoppiando a due a due quelli della Camera. Si ricorda che con un unico segno si esprime la propria preferenza sia per l'elezione del candidato del collegio uninominale sia per l'elezione dei candidati per la parte proporzionale. Il voto dell’elettore avrà, dunque, un effetto duplice: diretto nel collegio uninominale e indiretto nei "collegi plurinominali", cioè quelli dove spuntano i listini bloccati e la soglia di sbarramento nazionale del 3%. In Campania ci sono 22 collegi uninominali per la Camera e 14 collegi uninominali per il Senato; parallelamente, sono costituiti tre collegi plurinominali per la Camera per l'elezione di 20 deputati e altri tre collegi per il Senato per l'elezione di 18 senatori. Ma vediamo cosa succede nello specifico nel Comune di Napoli.

Divisione dei collegi a Napoli centro

Per la Camera dei Deputati i dodici collegi uninominali della provincia di Napoli sono raggruppati in gruppi di quattro: Pozzuoli-Giugliano-Casoria-Pomigliano avrà listini bloccati di 4 nomi per ogni partito ma eleggerà ben otto deputati; Napoli centro (suddivisi tra Fuorigrotta, Centro, Arenella e Ponticelli), sempre con listini di 4 nomi, eleggerà sei deputati; stessa cosa per il gruppo Nola-Portici-Torre del Greco-Castellammare: anche in questo caso listini di 4 nomi e sei deputati da eleggere. Per quanto riguarda solo il Comune di Napoli, gli elettori saranno così suddivisi per la votazione:

Collegi uninominali (maggioritario)

  • Napoli – Fuorigrotta: vi rientrano i quartieri di Fuorigrotta, Bagnoli, Soccavo, Pianura e Chiaiano;
  • Napoli – San Lorenzo: vi rientrano i quartieri di Posillipo, Chiaia, San Lorenzo, Stella, Pendino, Porto, San Giuseppe, Montecalvario, San Ferdinando;
  • Napoli – San Carlo all'Arena: vi rientrano i quartieri di Arenella, Vomero, San Carlo all’Arena, Piscinola e Miano;
  • Napoli Ponticelli: vi rientrano i quartier di Ponticelli, Barra, San Giovanni a Teduccio, Zona industriale, Poggioreale e Vicaria e quelli settentrionali di Scampia, Secondigliano e San Pietro a Patierno.

Al Senato, sono accorpati i collegi di San Carlo all'Arena e di Ponticelli da un lato, e quelli di Fuorigrotta e San Lorenzo dall'altro.

Collegi plurinominali (proporzionale)

  • Camera: Per quanto riguarda i collegi plurinominali della Camera dei Deputati, nell'aggregazione dei territori è stata mantenuta l’unità del comune di Napoli, i cui quattro collegi uninominali (San Carlo all’Arena, Ponticelli, San Lorenzo e Fuorigrotta) costituiscono il collegio plurinominale Campania 1.02 cui sono attribuiti 6 seggi.
  • Senato: Il collegio plurinominale Campania 2, in cui vengono attribuiti 7 seggi, aggrega quattro collegi uninominali Senato e comprende l’intero territorio del comune di Napoli e la parte settentrionale del territorio della città metropolitana di Napoli corrispondente ai collegi uninominali Senato Campania 4 (Giugliano in Campania) e Campania 6 (Casoria).