Potrebbe essere Stefano Caldoro il candidato del centrodestra alle elezioni regionali in Campania del 2020. Tanto più che, oggi, è arrivata anche la "benedizione" del leader della Lega Matteo Salvini. L'ex ministro dell'Interno, a Napoli in visita al carcere di Poggioreale, durante la conferenza stampa a margine dell'incontro, ha dato il suo placet a una eventuale candidatura di Caldoro alla poltrona di Palazzo Santa Lucia quando, nella primavera del 2020, i cittadini campani saranno chiamati alle urne per scegliere il loro governatore. "Caldoro quando governò, governò positivamente, quindi se quello sarà il nome fatto io non avrei alcunché da eccepire evidentemente" ha detto Salvini, riferendosi alla precedente esperienza di Caldoro, già presidente della Regione Campania dal 2010 al 2015, prima di essere sconfitto dall'attuale governatore Vincenzo De Luca.

Una piccola telenovela interna al centrodestra quella che si è costruita intorno al nome di Stefano Caldoro. Qualche mese fa fu Silvio Berluscono il primo ad avanzare il nome dell'esponente di Forza Italia come possibile candidato del centrodestra alla Regione Campania, vista anche, come detto, la sua precedente esperienza nel ruolo: in quella occasione, Berlusconi dichiarò che il nome di Caldoro era gradito anche agli alleati Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Fu lo stesso leader del Carroccio, però, qualche giorno più tardi, a porre un freno alla candidatura di Stefano Caldoro, dicendo di non aver deciso ancora, in pianta stabile, il nome del candidato che il centrodestra avrebbe presentato per Palazzo Santa Lucia. Riserve che, dalle parole di Salvini di oggi, sembrerebbero essersi sciolte.