Si sono picchiati per strada, nonostante l'emergenza Coronavirus e i decreti del governo che invitano le persone a rimanere a casa e ad uscire soltanto per ragioni che costituiscano necessità: 5 persone sono state denunciate per rissa ad Ercolano, nella provincia di Napoli. Nella fattispecie, nella giornata di ieri, i carabinieri della locale tenenza, impegnati in controlli del territorio mirati proprio alla verifica del rispetto delle disposizioni del governo in materia di Coronavirus, giunti nei pressi dell'ufficio postale di corso Resina, hanno udito urla e schiamazzi. Intervenuti sul posto, i militari dell'Arma hanno visto cinque persone che si stavano picchiando tra di loro: dopo averli divisi, i carabinieri li hanno portati negli uffici della tenenza. Quando è tornata la calma, i militari hanno accertato che due di loro volevano restituire a un negoziante un giocattolo che sarebbe risultato diverso da quanto si aspettavano: tutti e cinque, come detto, sono stati denunciati per rissa.

Dall'emanazione dei decreti che impongono alla cittadinanza di rimanere in casa e di uscire solo in casi eccezionali – come andare a lavoro o fare la spesa – per evitare la diffusione del Coronavirus, nella Città Metropolitana di Napoli, vale a dire nel capoluogo e nella sua provincia, sono state migliaia le persone denunciate dalle forze dell'ordine perché sorprese a violare i provvedimenti. Qualche giorno fa, a Qualiano, i carabinieri hanno denunciato una coppietta che non ha resistito al richiamo della passione ed è stata sorpresa in auto, in una zona appartata della cittadina, mentre faceva sesso.