Oltre alla vita, condividevano anche il “lavoro”. Due giovanissimi fidanzatini puteolani, lui 19 e lei 16 anni, incensurati, sono stati scoperti dai carabinieri mentre confezionavano la cocaina da vendere e arrestati. E' successo giovedì pomeriggio nel rione Toiano, durante una operazione antidroga organizzata dopo le indagini sul traffico nel quartiere. I carabinieri della stazione di Pozzuoli hanno fatto irruzione nella casa del ragazzino, dove si trovavano entrambi. All'arrivo dei militari si è scatenato il caos. I due hanno provato a disfarsi degli stupefacenti, lei ha afferrato le dosi di cocaina e se l'è nascoste negli slip e nel reggiseno, ma è stato tutto inutile. Complessivamente sono stati recuperati 18 involucri contenenti circa 5 grammi di cocaina, 1 grammo di hashish, 800 euro in contanti, ritenuti provento di spaccio, e il materiale per suddividere la droga in dosi.

Entrambi accusati di detenzione di stupefacenti a fini di spaccio, sono finiti lui nel carcere di Poggioreale e lei in quello minorile di Nisida. Ulteriori indagini sono in corso per ricostruire la filiera della droga: i militari stanno accertando se i due si sarebbero occupati anche della vendita o se il loro compito era soltanto quello di preparare le dosi, consegnandole poi a un pusher o a una delle piazza di spaccio dei paraggi.