La consigliera regionale Flora Beneduce
in foto: La consigliera regionale Flora Beneduce

"Vincenzo De Luca è come l'albero della vita". Non usa troppi giri di parole Flora Beneduce, candidata alla Regione Campania con l'attuale presidente del Partito Democratico, dopo cinque anni passati all'opposizione nelle fila di Forza Italia. "Apprezzo il suo piglio deciso, il suo non guardare né a destra né a sinistro. Lo vedo come l'alberto della vita", ha chiosato la Beneduce durante la conferenza stampa in cui ha spiegato le ragione della sua scelta di campo, diametralmente opposta a quella di questo ultimo quinquennio.

Ma la sua scelta, ha spiegato, non è dettata dal "trasformismo", visto che "le mie idee sono quelle di vent'anni fa, sono democratica, liberale e popolare", ha aggiunto ancora la Beneduce ai cronisti, "se c'è qualcuno che è trasformista è Forza Italia, ormai a trazione sovranista, leghista e populista". Incalzata ancora dai giornalisti presenti alla conferenza stampa, la Beneduce ha anche parlato della vicenda nel 2018 e del suo presunto incontro con il figlio del boss Puca di Sant'Antimo. Alla domanda su questo episodio fatta da Fanpage.it, la Beneduce ha spiegato: "L'incontro era con il presidente del Consiglio Comunale di Sant'Antimo. Poi mi sono trovata a parlare con un'anziana persona della sua patologia: dopo sono venuta a sapere dai giornali che forse questa persona era indagata. Ma che ne posso mai sapere io?". Tornando poi alla sua candidatura con Vincenzo De Luca, la Beneduce ha spiegato di non avere bisogno di poltrone, "perché sono un primario, e la poltrona, quella di medico, anche se scomoda, me la sono guadagnata con lo studio. Credo che il mio lavoro possa essere utile a De Luca, voglio solo mettere la mia professionalità a disposizione della collettività", ha aggiunto ancora la ormai ex consigliera regionale di Forza Italia.