L'Asl Napoli 1 ha deciso le sanzioni dopo l'inchiesta interna aperta dopo i numerosi casi di formiche e altri insetti ritrovati tra le corsie dell'ospedale San Giovanni Bosco: due infermieri del nosocomio partenopeo sono stati sospesi dal servizio per un mese. Sospesi, per 10 giorni, anche due sindacalisti. Dalla fine del 2018, tantissimi sono stati i casi di formiche e altri insetti avvistati tra in numerosi reparti dell'ospedale napoletano, nel quale, in più di un'occasione, erano arrivati i carabinieri del Nas e gli ispettori del Ministero della Salute. L'ipotesi che, dietro i numerosi casi, potesse nascondersi un sabotaggio era già stata avanzata qualche mese fa, quando una ispezione all'interno dell'ospedale rivelò che gli insetti erano stati attirati tramite esche realizzate ad hoc.

Il caso più eclatante resta quello che si è registrato all'interno del San Giovanni Bosco nel novembre del 2018: il letto di una donna di 70 anni, originaria dello Sri Lanka e ricoverata nel reparto di Medicina Generale, intubata dopo un grave malore, venne invaso dalle formiche. Il video, pubblicato sui social network, fece il giro dei media nazionali e sollevò indignazione. Nel dicembre scorso la 70enne, trasferita soltanto dopo settimane all'Ospedale del Mare, è deceduta a causa di complicazioni delle sue condizioni di salute, già critiche. Dopo il decesso, il legale della famiglia della donna ha presentato un esposto alla Procura di Napoli, lamentando l'inadeguatezza delle cure ricevute dalla 70enne durante il suo ricovero al San Giovanni Bosco.