1.463 CONDIVISIONI
26 Aprile 2019
14:51

Il “Festival della bestemmia” per chiedere l’abolizione della legge contro la blasfemia

L’iniziativa della Chiesa Pastafariana Italiana per domenica 28 aprile a Piazza Dante, nel cuore di Napoli. Un evento che non vuole incentivare l’uso delle bestemmie, fanno sapere gli organizzatori, ma chiedere l’abolizione delle leggi contro la blasfemia, ritenute essere utilizzate troppo spesso come “strumento di censura e persecuzione”.
A cura di Giuseppe Cozzolino
1.463 CONDIVISIONI

Una singolare iniziativa quella organizzata per domenica 28 aprile a Napoli, dove nella centralissima piazza Dante (che pochi giorni dopo ospiterà anche il concertone del 1° maggio con artisti italiani ed internazionali tra cui i Modena City Ramblers) si terrà una sorta di "Festival della Bestemmia", organizzato dalla Chiesa Pastafariana Italiana che chiede l'abolizione delle leggi contro la blasfemia, ritenute essere utilizzate troppo spesso come "strumento di censura e persecuzione". L'iniziativa, che vede anche il patrocinio morale del Comune di Napoli, si chiama "Dioscotto – Area Riservata", e sarà aperto al pubblico nella giornata di domenica.

La cover dell’evento.
La cover dell’evento.

Un evento che, sottolineano gli organizzatori, non vuole incitare alla blasfemia, ma piuttosto chiedere l'abolizione dei reati ad essa legati, per affermare "la libertà di espressione e l'autonomia dell'arte da ogni ideologia". Ed infatti si invita alle persone di imprecare "contro il Prodigioso Spaghetto Volante", che sarebbe invece tollerante ed indifferente agli insulti umani. Anche la Chiesta Pastafariana stessa, infatti, spiega che la parola "Dioscotto" a cui si rifà il titolo dell'evento, è la tipica bestemmia pastafariana, che come tale non contiene riferimenti ad altre divinità e, dunque, può essere pronunciata senza rischiare una denuncia di vilipendio o reati simili, legati appunto alla blasfemia. Diversi gli artisti che parteciperanno all'iniziativa: tra questi, il disegnatore Mario Natangelo, oltre a Giorgio Franzaroli, Hogre, Giancarlo Covino e tanti altri. Artisti, disegnatori e artisti di strada, tutti legati al tema, da sempre delicatissimo, della libertà d'espressione. L'apertura della mostra è prevista per le 11 a Piazza Dante e terminerà alle 18, mentre nelle ore successiva è previsto uno spettacolo di stand up comedy al Kesté.

1.463 CONDIVISIONI
Bestemmie su finti manifesti elettorali a Napoli, Comune contro la provocazione: "Non informati"
Bestemmie su finti manifesti elettorali a Napoli, Comune contro la provocazione: "Non informati"
La Regione Campania ha una legge sulla parità salariale uomo-donna
La Regione Campania ha una legge sulla parità salariale uomo-donna
Il Devozioni Festival torna dopo lo stop per il Covid: musica e teatro a Torre Annunziata
Il Devozioni Festival torna dopo lo stop per il Covid: musica e teatro a Torre Annunziata
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni