54 CONDIVISIONI
Il Boss delle cerimonie e il Castello delle Cerimonie

La morte del Boss delle Cerimonie e lo strano evento in casa: “Le mattonelle si alzarono”

Davide, il capo sala della Sonrisa racconta una vicenda accaduta subito dopo la morte di Don Antonio Polese, il boss delle cerimonie e titolare del ristorante La Sonrisa.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Napoli Fanpage.it
A cura di Redazione Napoli
54 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Il Boss delle cerimonie e il Castello delle Cerimonie

Davide Gaetano, il simpatico caposala La Sonrisa, il ristorante di Don Antonio Polese, il Boss delle cerimonie morto qualche giorno fa a 80 anni a causa di una grave patologia cardiaca, racconta un particolare degli attimi immediatamente successivi la dipartita dell'imprenditore e popolare personaggio televisivo, protagonista di un reality tv sui matrimoni alla napoletana. "Don Antonio – racconta Davide al giornale locale Il Corrierino – era a casa sua e lì è stata allestita la camera ardente. Mi hanno raccontato che a un certo punto le mattonelle del posto in cui era allestita la camera ardente si sono letteralmente alzate e crepate e lui è stato portato nel suo Salone reale".

Una vicenda che qualcuno ha voluto interpetare come un segno di una ‘volontà più alta' di portare il defunto per l'ultima volta nel salone delle feste del ristorante che aveva creato dal nulla.

54 CONDIVISIONI
Castello delle Cerimonie rischia di chiudere, la rabbia dei dipendenti in corteo: "La Sonrisa siamo noi"
Castello delle Cerimonie rischia di chiudere, la rabbia dei dipendenti in corteo: "La Sonrisa siamo noi"
Alla Sonrisa accettano ancora prenotazioni, anche dopo la confisca: "Le attività continuano"
Alla Sonrisa accettano ancora prenotazioni, anche dopo la confisca: "Le attività continuano"
Domani dipendenti del Castello delle Cerimonie in corteo: "Non chiudete La Sonrisa, ci lavorano centinaia di persone"
Domani dipendenti del Castello delle Cerimonie in corteo: "Non chiudete La Sonrisa, ci lavorano centinaia di persone"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views