È morto il professor Antonio Picariello, docente di Ingegneria presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II, Direttore del Laboratorio ITEM del CINI. Picariello, originario di Avellino, 55 anni, è morto improvvisamente per un aneurisma. Lascia la moglie e tre figlie. Apprezzato dagli studenti e dai colleghi per la sua grande disponibilità competenza, Antonio Picariello era  professore di Sistemi di elaborazione delle informazioni, insegnava Big Data analytics nella sede federiciana di San Giovanni a Teduccio. Tanti i messaggi di cordoglio e di vicinanza alla famiglia da parte dei colleghi. “Un grande dolore – commenta amaramente Edoardo Cosenza, presidente dell'Ordine degli Ingegneri di Napoli – un ottimo prof, ma soprattutto un amico e una persona perbene. Davvero profondamente addolorato”. Mentre l'ex assessore comunale Mario Calabrese scrive: "Una notizia orrenda. Condoglianze alla famiglia".

Il ricordo di colleghi e studenti: "Grave perdita"

Molto toccante il ricordo del professor Giorgio Ventre: “Oggi ho perso un eccezionale collega e un carissimo amico. Ma tutti noi abbiamo perso una bellissima persona. Antonio Picariello era un bravissimo ricercatore e un docente amato dagli studenti per la sua capacità e per la sua disponibilità. Il suo lavoro in Dipartimento e come Direttore del Laboratorio Item del Cini era incessante. Ed a tutto questo aggiungeva un suo impegno continuo nel sociale. Ci lascia un vuoto davvero incolmabile. Che cercheremo di riempire con i tanti bei ricordi che abbiamo di lui. Come quel suo sorriso che ha solo chi ti porta sempre gioia ed entusiasmo. Alla famiglia va un abbraccio enorme e il profondo cordoglio da parte di tutto il nostro Dipartimento e della Federico II”.

"Uno dei giorni più brutti della mia vita – commenta Antonio Pescapè, docente di Ingegneria Informatica e direttore di Digita Academy – Non ti dimenticherò mai. Non lo faranno i tuoi amici e colleghi, non lo faranno i tuoi studenti. E non basterà una vita intera per provare ad essere ciò che sei stato per tutti quelli che hai incontrato sul tuo meraviglioso cammino, con quel tuo meraviglioso sorriso. Un cammino meraviglioso ma troppo, troppo breve. E io questa cosa qui non ce la faccio ad accettarla. Ti voglio bene Antonio Picariello". Tanti i commenti degli studenti. “Mi dispiace moltissimo – scrive Nicola – grande uomo e grande competenza”. “Tra i ricordi più belli dell'università ci sono le sue lezioni e i suoi insegnamenti”, aggiunge Marco.