Quello tra Napoli e l'ex ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini si conferma un rapporto complicato. Oggi, martedì 5 novembre, il leader della Lega è atteso in città per una manifestazione che si terrà al Cinema Metropolitan, nella zona di Chiaia. E allora ecco che questa notte, all'esterno proprio del multisala che sorge alla sommità di via Chiaia, all'ombra di Palazzo Cellammare, sono comparse scritte contro il partito di destra e il suo leader. Scritte come "Odio la Lega", oppure "Salvini, Napoli ti schifa", esternazioni "classiche" contro il leader del Carroccio. A fianco di queste, però, è spuntata anche la scritta "Parlaci dei rubli", che ha sostituito "Parlaci dei 49 milioni". Il riferimento è ai presunti fondi russi che avrebbero finanziato la Lega.

Oggi, come detto, a circa un mese di distanza dalla sua ultima visita, Matteo Salvini torna a Napoli. La volontà dell'ex vicepremier, ormai chiara, è quella di gettare le basi della campagna elettorale per le elezioni regionali del 2020 in Campania. Intenzione palesata dalle dichiarazioni rilasciate da Salvini nel corso di una diretta su Facebook: "Dobbiamo mandare a casa Vincenzo De Luca, che è tanto bravo a chiacchierare quanto incapace a risolvere i problemi dei rifiuti, del lavoro e della sanità". Non è ancora noto, però, il nome che la Lega metterà in campo per la corsa alla poltrona di Palazzo Santa Lucia, oppure se ci sarà una coalizione di centrodestra.