Una messa in suffragio a San Mango Piemonte per ricordare Melissa La Rocca, la studentessa di soli quindici anni dell'istituto superiore Genovesi-Da Vinci, morta in classe per un malore improvviso, lo scorso 7 ottobre. Una tragedia che ha profondamente scosso il piccolo Comune in provincia di Salerno, che a distanza di un mese, si è nuovamente stretto intorno al dolore della famiglia, dei genitori e del fratello, per la tragica perdita della giovane volata in cielo improvvisamente e troppo presto. Una celebrazione partecipatissima, nonostante il maltempo, che ha visto una folla di persone riempire chiesa e sagrato. Toccante la lettera degli amici di Melissa che, al termine della messa sono saliti sull'altare e hanno letto alcune parole scritte appositamente per lei: "Racconteremo di te, sempre" hanno detto, promettendo di tenerla viva tra i ricordi e presente nella loro quotidianità di studenti.

Melissa La Rocca morta in classe

I funerali di Melissa La Rocca sono stati celebrati lo scorso 10 ottobre. Melissa frequentava la classe terza e al momento in cui sono accaduti i tragici fatti si trovava alla lavagna, dove improvvisamente, ha perso conoscenza e, cadendo a terra, ha battuto la testa contro la cattedra, un urto che le è risultato fatale. Inutili i soccorsi prestati prima da insegnante e compagni di classe e poi dal personale sanitario, giunto subito sul posto, per la giovane non c'è stato nulla da fare per salvarle la vita: quando è arrivata in ospedale era già morta. "All'improvviso ho visto che si girava. Ha toccato la cattedra. Mi sono accorta che si stava sentendo male. È caduta a terra, ho capito che era svenuta e ho detto ai ragazzi di chiamare subito il 118. Ora sarà tutto più difficile. Io sono sconvolta e anche i ragazzi" ha dichiarato all'Ansa l'insegnante che si trovava in classe quando è avvenuta la tragedia".