Torturato e ucciso un cane a Melito di Napoli. Prima strangolato, poi, il corpo esanime della povera bestia buttato tra i rifiuti, come un sacchetto dell'immondizia. Il cane ammazzato è stato ritrovato ieri da alcuni passanti in via Giulio Cesare. Era seminascosto dall'immondizia in una discarica che si trova tra Melito e Casandrino. Una scena orribile di violenza sadica e ingiustificata che ha scosso fortemente la comunità del Comune a nord di Napoli. Sul posto sono arrivati immediatamente gli agenti della Polizia Municipale di Melito di Napoli, accompagnati dall'Assessore alla Tutela degli Animali Carmen Grazioso. L'animale, secondo le prime ricostruzioni, è stato probabilmente soffocato con due corde di plastica nera strette attorno al collo.

L'assessore agli Animali di Melito: “Allibita per la crudeltà”

L'assessore Carmen Grazioso ha poi sporto denuncia ai carabinieri per quanto accaduto. “Rimango allibita dinnanzi a tale crudeltà – scrive sul suo profilo social – mi auguro che tali atti non si ripetano più nella nostra Melito, che nell'ultimo anno ha mostrato una crescente sensibilità verso i nostri amici a quattro zampe. Un abbraccio forte va a tutti i volontari che ogni giorno lottano e si scontrano con tali realtà per salvare delle vite indifese, e difendere i loro diritti”. Sul posto sono arrivati anche i volontari del Partito Animalista Italiano: "Siamo scioccati per quanto abbiamo visto. Un cane seviziato e ucciso, forse usato per combattimento. Dobbiamo intervenire immediatamente. Se qualcuno ha visto qualcosa, ce lo segnali anche in forma anonima. Procederemo noi a fare le denunce".