Stadio San Paolo blindato per il big-match di Champions Napoli-Barcellona di stasera alle 21. Disposto un presidio con circa 400 agenti di polizia municipale. Non solo. Il sindaco Luigi de Magistris ordina il divieto assoluto della vendita anche di alcolici e superalcolici, oltre al divieto della somministrazione delle bevande in lattina, già in vigore per tutta la stagione calcistica. Le bevande consentite, quindi, dovranno essere vendute solo in bicchieri di plastica leggera o carta. I commercianti dovranno aprire i tappi delle bevande al momento della vendita. Ma non finisce qui. Il divieto, infatti, viene esteso dalla zona di Fuorigrotta, circostante lo stadio, anche al Lungomare, nelle aree tra il Porto, la Stazione Marittima e il Molo Angioino, dove la Questura di Napoli ha deciso di concentrare i tifosi catalani. Per i trasgressori sono previste sanzioni fino a 500 euro.

Stretta sui controlli ordinata dalla Questura

La stretta sui controlli arriva a seguito della richiesta della Questura di Napoli del 21 febbraio al Comune di un provvedimento per integrare l'ordinanza sindacale del 10 settembre scorso sulla vendita delle bevande in occasione delle partite di calcio, ed è finalizzata ad “una migliore gestione dei servizi di ordine, sicurezza pubblica e privata incolumità”. Si tratta di un match molto atteso, per il quale l'attenzione è molto alta.

Cosa dice l'ordinanza del sindaco?

“È fatto divieto – è scritto nell'ordinanza sindacale pubblicata oggi 25 febbraio 2020, firmata dal vicesindaco Enrico Panini – a tutti gli esercizi commerciali, ai pubblici esercizi e agli operatori del commercio su aree pubbliche presenti nelle zone di seguito indicate, in occasione dell'incontro di calcio Napoli – Barcellona in programma allo Stadio San Paolo martedì 25 febbraio 2020 alle ore 21,00, oltre a vendere bevande in bottiglie, lattine, contenitori in vetro, plastica rigida, tetrapack o qualsiasi altro materiale, consentendone la commercializzazione solo in bicchieri di plastica leggera o carta, giusta Ordinanza Sindacale n. 16 del 10/09/2019, anche il divieto assoluto di vendita e somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche prescindendo dal contenitore, a decorrere dalle ore 07.00 alle ore 24.00 di martedì 25 febbraio 2020. La somministrazione e la vendita delle bevande consentite devono avvenire in bicchieri di carta o di plastica leggera nei quali le bevande devono essere versate direttamente da chi effettua la somministrazione o vendita. Per la vendita di bevande consentite in contenitori in plastica è fatto obbligo, per l’esercente, di procedere preventivamente all’apertura dei tappi dei contenitori stessi. All'interno dello stadio San Paolo è consentita la commercializzazione delle bevande solo in bicchieri di plastica leggera o carta”.

Nella zona rossa dei divieti Fuorigrotta e il Lungomare

“E' altresì vietato il consumo nelle zone di seguito indicate, di bevande in contenitori di vetro e lattine su aree pubbliche non legittimamente autorizzate con occupazione di suolo pubblico, nonché la somministrazione o il consumo di bevande alcoliche e superalcoliche nelle stesse aree;

Luoghi interessati dal divieto: interno stadio "San Paolo" e zone limitrofe, via Cinthia, altezza via Terracina, via Leopardi, via A. Doria, viale Augusto fino a piazza Italia, via G. Cesare fino a piazza Italia, via Campagna, via Diocleziano fino all'incrocio con via Cavalleggeri, viale Kennedy fino all'ingresso della Mostra d'OItremare, l'intero Piazzale Tecchio, largo Matteucci e Barsanti, via Claudio, via Marconi, via Terracina compresa nel tratto tra l'incrocio con via Cinthia/via Leopardi e l'Ospedale San Paolo, nonché Stazione Marittima di Napoli e zone limitrofe, finitimo molo Angioino, Piazza Municipio, via Cristoforo Colombo, via De Pretis, via Marchese Campodisola, via De Gasperi, via Maio di Porto, via Monserrato, via Conte Olivares, via Augusto Witting, piazza Matteo Schilizzi, via Matteo Schilizzi, via Spadari, vico dei Pezzi, via Salvatore Fusco, via San Nicola alla Dogana, via Guglielmo Melisurgo, vico Leone, piazza Francese, via Umberto Giordano, Supportico Fondo di Separazione”.