7.874 CONDIVISIONI
L'omicidio di Ugo Russo a Napoli

Napoli, chi era Ugo Russo, ucciso a 15 anni da un carabiniere durante una rapina

Lavorava come fruttivendolo e si era iscritto a un corso del Comune per imparare un lavoro Ugo Russo, il quindicenne ucciso a colpi di pistola da un carabiniere durante una tentata rapina in via Generale Orsini nela quartiere Santa Lucia a Napoli. Il giovane, raggiunto da tre proiettili è deceduto in ospedale.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Napoli Fanpage.it
A cura di Alessia Rabbai
7.874 CONDIVISIONI
Ugo Russo, il 15enne ucciso da un carabiniere durante una tentata rapina
Ugo Russo, il 15enne ucciso da un carabiniere durante una tentata rapina
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'omicidio di Ugo Russo a Napoli

Ugo Russo, quindici anni, è stato ucciso a colpi di pistola da un carabiniere fuori servizio nella notte tra sabato 29 febbraio e domenica 1 marzo. Secondo la ricostruzione dei fatti diramata dai carabinieri, il giovane a bordo di uno scooter e in compagnia di un complice, si è avvicinato all'auto a bordo della quale si trovava il militare insieme a una ragazza, per tentare di mettere a segno una rapina. I due giovani avevano infatti puntato un orologio, che volevano sottrargli. Russo era armato di pistola, rivelatasi giocattolo, a con il volto coperto da scaldacollo e casco. "Mi ha puntato la pistola alla tempia" ha dichiarato in sede d'interrogatorio il militare ventitreenne, che presta servizio in provincia di Bologna. Dopo essersi qualificato, il carabiniere ha estratto l'arma d'ordinanza sparando tre proiettili che hanno raggiunto l'adolescente al torace e alla testa, facendolo cadere al suolo.

La corsa in ospedale e il decesso

Il carabiniere subito dopo il ferimento ha dato l'allarme, chiedendo l'intervento urgente di un'ambulanza. I paramedici giunti sul posto hanno cercato di salvare il ragazzo, praticandogli le manovre di rianimazione, ma ogni tentativo è stato purtroppo inutile: Ugo Russo è morto dopo il trasporto all'ospedale Vecchio Pellegrini. Il quindicenne lavorava come fruttivendolo e si era iscritto a un corso del Comune per imparare un lavoro. La salma è stata trasferita in obitorio, la Procura di Napoli che coordina le indagini del Nucleo Investigativo dei carabinieri del Comando provinciale, ha disposto l'autopsia.

7.874 CONDIVISIONI
85 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views