Il maxi-schermo allo Stadio San Paolo resterà anche dopo le Universiadi 2019, per le quali sarà installato. Insomma, un vero e proprio "regalo" per i tifosi del Napoli, che dunque a partire dalla stagione 2019/2020 potranno usufruirne per le gare casalinghe. Il maxi-schermo, da 120 metri quadrati, verrà installato sulla parte alta degli spalti, e verrà utilizzato durante le Universiadi, in programma dal 3 al 14 luglio, per le gare di atletica.

Le novità per lo stadio San Paolo

Altra novità, invece, per lo Stadio San Paolo, saranno i nuovi seggiolini, che verranno realizzati al termine di un'apposita gara tra aziende: anche questi, ovviamente, dopo le gare delle Universiadi resteranno a disposizione dei tifosi del Napoli per la prossima stagione. Riapre invece, dopo un anno di sospensione, il cantiere dello Stadio Arturo Collana al Vomero, chiuso ormai da due anni. Sarà però una corsa contro il tempo renderlo disponibile per inizio luglio: in pratica, ci sono appena cinque mesi. Priorità per i lavori che saranno strettamente funzionali allo svolgimento dei Giochi e dunque il recupero del campo, degli spogliatoi e della pista d'atletica. Oltre al Collana, cantieri aperti anche allo stadio Partenio di Avellino, che ospiterà le gare di tiro con l'arco, al Palavignola di Caserta, dove si giocheranno quelle di basket, allo stadio di Pagani e a quello di Afragola, per il rugby, oltre al circolo del tennis di Napoli. In questi casi, con lavori già assegnati, manca solo la firma dei contratti che arriverà a breve permettendo l'apertura dei cantieri che dureranno poco trattandosi di interventi minori.