Ennesimo colpo della cosiddetta ‘banda del buco' a Napoli: questa mattina, alcuni malviventi hanno fatto irruzione in una gioielleria tra piazza dei Martiri e via Santa Caterina, nel cuore del quartiere Chiaia, facendosi strada utilizzando un buco scavato nel pavimento. I rapinatori, armati di pistole e fumogeni, hanno fatto irruzione nella storica orologeria Trucchi, minacciando il titolare e un dipendente per farsi consegnare gli oggetti preziosi presenti in negozio, per poi darsi alla fuga utilizzando il buco scavato per entrare: per evitare di essere seguiti, hanno lanciato i fumogeni per coprirsi la fuga. Non si conosce ancora l'entità del bottino con il quale i malviventi sono scappati: sul posto sono intervenuti gli agenti della Polizia di Stato, che hanno fatto partire le indagini; la strada è stata chiusa al traffico per consentire tutti i rilievi del caso.

Terzo colpo della ‘banda del buco' in pochi giorni

Come detto, si tratta della terza rapina, effettuata con le stesse modalità, avvenuta a Napoli in pochi giorni. Lo scorso 3 giugno alcuni malviventi si sono introdotti all'interno della filiale della Banca Popolare di Milano sita in piazza Carità, nel cuore del centro storico partenopeo, riuscendo a portare via circa 100mila euro. Soltanto il giorno dopo, il 4 giugno, ancora nel quartiere Chiaia, in via Pontano, rapinatori si sono introdotti nell'ufficio postale che sorge sulla strada e hanno minacciato la direttrice per farsi consegnare il denaro: durante la rapina, uno dei dipendenti ha accusato un malore e ha avuto bisogno dell'intervento del 118. In questa occasione, il bottino dei malviventi non è stato quantificato.