Sono stati identificati i responsabili dell'esplosione di un ordigno artigianale avvenuto questa notte all'esterno di una cioccolateria in via Giordano Bruno, nella zona di Mergellina, sul lungomare di Napoli. Si tratta addirittura di un ragazzino di 12 anni e di un altro minore, un 17enne: i due sono stati identificati dai carabinieri che indagavano sulla deflagrazione. I militari dell'Arma hanno subito compreso che, dietro al gesto, si nascondessero dei minorenni: così, su coordinamento della Procura dei Minori di Napoli, sono riusciti a pervenire all'identità dei due, grazie anche alle immagini delle telecamere di videosorveglianza presenti all'esterno dell'esercizio commerciale.

Nelle abitazioni dei due minori, i militari dell'Arma della stazione di Posillipo hanno rinvenuto gli abiti utilizzati al momento dell'attentato e, sul cellulare del 17enne, anche un video che lo ritraeva mentre confezionava l'ordigno esplosivo artigianale. Il più grande dei due, il 17enne, è stato denunciato a piede libero alla competente Autorità Giudiziaria con le accuse di danneggiamento ed esplosione pericolosa.

Nella notte, poco dopo la mezzanotte, l'ordigno è esploso all'esterno di una nota cioccolateria di via Giordano Bruno: la deflagrazione ha danneggiato soltanto l'insegna dell'esercizio commerciale, mentre il resto del negozio non ha riportato conseguenze. I carabinieri, giunti sul posto per i rilievi del caso, hanno subito fatto partire le indagini, rintracciando, nella giornata di oggi, i due responsabili.