435 CONDIVISIONI
Opinioni
Noemi ferita dalla camorra a Napoli
5 Maggio 2019
14:49

Noemi ferita in agguato in piazza Nazionale: verso l’arresto del killer

Analisi dei nastri della sorveglianza, indagini sul territorio, pregiudicati noti interrogati: le forze dell’ordine stanno passando al setaccio gli ambienti criminali di piazza Nazionale per risalire all’identità del killer che ha sparato in pieno giorno colpendo anche la piccola Noemi, ora in condizioni gravissime in ospedale.
A cura di Nico Falco
435 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Noemi ferita dalla camorra a Napoli

La svolta potrebbe arrivare già nelle prossime ore. Le forze dell'ordine hanno messo sotto assedio la zona di piazza Nazionale per arrivare all'identificazione del killer che lo scorso 3 maggio ha aperto il fuoco contro Salvatore Nurcaro, ferendo gravemente la piccola Noemi con una pallottola vagante. Gli investigatori stanno torchiando in queste ore noti pregiudicati del posto, seguendo la doppia pista del regolamento di conti e quella che invece porta direttamente a San Giovanni a Teduccio e alla faida tra i Mazzarella e i Rinaldi; la zona dove è avvenuto il raid è sotto l'influenza del clan Contini, collegato ai Rinaldi, il gruppo di camorra cui gli investigatori ritengono vicino il reale obiettivo dell'agguato.

Fondamentali, per il riconoscimento del sicario, le telecamere di sorveglianza di due esercizi commerciali che si trovano in piazza Nazionale, a pochi metri dal punto degli spari: nelle immagini si vede un uomo corpulento, completamente vestito di nero, che arriva a piedi al lato di Salvatore Nurcaro, che sta guardando il telefono, gli punta la pistola alla testa e preme il grilletto. L'uomo scappa, gira l'angolo, ma il killer lo insegue continuando a sparare. Almeno dieci colpi: 5 vanno a segno nell'obiettivo, uno ferisce di striscio una donna di 50 anni e un altro trapassa il torace di Noemi, forandole entrambi i polmoni; la bambina ora è al Santobono, è stata già operata ed è ricoverata in Terapia Intensiva in condizioni gravissime.

Partendo da quei video, e dalla profonda conoscenza del territorio, gli investigatori hanno cominciato a fare terra bruciata intorno al killer. Sono stati ascoltati numerosi pregiudicati della zona e già poche ore dopo l'agguato sono partite le "picchiate" in casa di sospetti o di persone che potrebbero sapere qualcosa. Individuata anche la motocicletta usata per l'agguato: è una Benelli poi risultata rubata, si cerca il complice che era rimasto in sella e che aveva accompagnato il sicario in piazza Nazionale fuggendo poi con lui.

435 CONDIVISIONI
Giornalista professionista dal 2011, redattore di cronaca nera per Fanpage.it dal 2019. Precedentemente ho lavorato per i quotidiani Cronache di Napoli, Corriere del Mezzogiorno e Il Mattino.
126 contenuti su questa storia
"La camorra è una montagna di merda" parla la mamma di Noemi, ferita a 4 anni in un agguato a Napoli
Rimosse le scritte e i disegni osceni dal murales dedicato a Noemi, bimba ferita in un agguato
Rimosse le scritte e i disegni osceni dal murales dedicato a Noemi, bimba ferita in un agguato
Imbrattato il murales dedicato alla piccola Noemi, la bambina ferita in un agguato a Napoli
Imbrattato il murales dedicato alla piccola Noemi, la bambina ferita in un agguato a Napoli
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni