C'erano anche cinque ispettori della Polizia Penitenziaria di Napoli nella banda che ha accompagnato il matrimonio tra il cantante neomelodico Tony Colombo e Tina Rispoli, vedova del defunto boss degli scissionisti Gaetano Marino, celebrato la scorsa settimana e finito sotto i riflettori della stampa nazionale. Gli agenti in questione, che suonano la tromba nella banda musicale del Corpo di stanza a Portici, sarebbero stati traditi da alcuni video postati sui social network, nei quali si vedono prendere parte alle ormai famose "nozze trash" proprio in qualità di musicisti. Tutti sono stati sospesi dal Dap. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, e come riferito dall'Ansa, i cinque ispettori sarebbero stati contattati da un'agenzia con sede nel Napoletano, che organizza eventi, ma non è chiaro se abbiano prestato o meno la loro tromba in qualità di invitati.

Intanto, proseguono le indagini dei carabinieri di Napoli sulle nozze trash dell'anno, celebrate nel Maschio Angioino lo scorso 28 marzo tra Tony Colombo e Tina Rispoli, che ha attirato persino l'attenzione della stampa nazionale. Il matrimonio è stato accompagnato dalle polemiche, che hanno travolto soprattutto il Comune di Napoli, e preceduto da un corteo, con tanto di carrozza e cavalli bianchi, che ha bloccato la zona di Secondigliano, e da una festa in piazza del Plebiscito senza che, stando a quanto riportano organi ufficiali, gli enti preposti ne fossero informati, in quanto l'evento era stato presentato loro come un flash mob.