Una vicenda che era stata già raccontata, ma i cui particolari, emersi nelle ultime ore, sono ancora più agghiaccianti. Due settimane fa, una ragazzina di 14 anni aveva denunciato, dopo una visita ginecologica, di essere stata violentata dal padre di un'amichetta: i carabinieri di Piedimonte Matese, nella provincia di Caserta, si erano messi subito sulle tracce dell'uomo, un insospettabile di 32 anni nato negli Stati Uniti ma residente ad Alife, nella provincia di Caserta. Le indagini dei militari dell'Arma hanno scoperto però che le violenze si sarebbero estese anche alla figlia della sua compagna, una ragazzina di soli 12 anni.

I carabinieri di Piedimonte Matese, così, come riporta Il Mattino, hanno arrestato il 32enne con l'accusa di violenza sessuale ai danni di minore: l'uomo è stato trasferito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, dove resta a disposizione dell'Autorità Giudiziaria, che nei prossimi giorni continuerà le indagini per accertare la colpevolezza dell'uomo. Stando a quanto si apprende, il 32enne approfittava dell'assenza della compagna per abusare della figlia 12enne e dell'amichetta 14enne, che frequentava spesso l'abitazione dell'orco.