Stazione di Montesanto della Circumflegrea di Napoli
in foto: Immagine di repertorio

Un atto di vandalismo che poteva avere conseguenze ben più gravi quello andato in scena questa sera contro un treno della linea Circumflegrea – gestita dall'Eav, l'Ente autonomo volturno – bersagliato dal lancio di alcune pietre tra le stazioni di Quarto e Grotta del Sole, a Pozzuoli. Oltre a mandare in frantumi alcuni vetri del convoglio, uno dei sassi ha colpito al volto un passeggero, un uomo di colore, che ha rifiutato il ricovero in ospedale. A rendere noto l'accaduto Umberto de Gregorio, presidente Eav, che su Facebook scrive: "Quando dico ‘è una guerra’, non è una esagerazione. Stasera nel tratto tra Quarto e Grotta del Sole della Circumflegrea lancio di pietre sul treno. Vetro spacciato e passeggero ferito".

"Il ferito – continua de Gregorio nel suo post – è un giovane di colore con una ecchimosi al volto zona orbitale, non aveva documenti e ha rifiutato intervento del 118 affermando che si sarebbe recato in ospedale per controllo con conoscenti. Ci poteva rimanere o perdere un occhio. Vandali? No, sono assassini! O comunque irresponsabili che non possono essere a piede libero! Nella migliore delle ipotesi questi ragazzi (si tratta di ragazzi?) sono malati e vanno curati, internati".