1.092 CONDIVISIONI
Opinioni
Elezioni regionali 2020
3 Luglio 2020
10:48

Polizia e carabinieri in strada contro la camorra, non per blindare Salvini a Mondragone

Mondragone, terra di camorra da sempre, non ha mai visto tanti poliziotti e carabinieri negli ultimi tempi: ci voleva il comizio di Matteo Salvini. Oggi la cittadina casertana celebre per la mozzarella di bufala è letteralmente blindata. Era necessario arrivare a militarizzare quest’area per l’ennesima volta in pochi giorni per consentire un comizio in strada o si potevano trovare soluzioni meno militaresche e più politiche?
1.092 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni regionali 2020

Qualche tempo fa i sindacati della Polizia di Stato lamentavano la presenza di una sola volante per controllare un vasto territorio, dal Giuglianese alle porte di Caserta. Beh, i poliziotti e i carabinieri oggi si renderanno conto chiaramente – e con loro tutta la cittadinanza di Mondragone, Caserta, Campania – che le forze dell'ordine ci sono, ma quando vengono compulsate e richieste. Ad esempio oggi, 3 luglio, quando un ex ministro dell'Interno vuole ostinatamente tornare nel luogo in cui, una manciata di ore prima, aveva subito una cocente contestazione.

A Matteo Salvini Mondragone è rimasta in gola come un pezzo di mozzarella di bufala troppo grosso e così ha preparato il ritorno sul luogo del fattaccio pochi giorni dopo l'ammuina e le contestazioni (il leader della Lega Nord incassò anche la sorprendente solidarietà di Matteo Renzi). Le fotografie mostrano decine di auto dei Carabinieri, cellulari e volanti della Polizia, auto della Polizia Municipale di Mondragone. Parliamo di almeno 50 agenti e militari schierati per cosa? Per un comizio in  campagna elettorale per le Regionali in Campania? La Prefettura di Caserta non poteva consigliare al senatore della Lega Nord un giorno diverso e una posizione diversa, per far sbollire gli animi, garantire il diritto al comizio elettorale e al tempo stesso non blindare vergognosamente una città? Mondragone è terra di camorra: non molti anni fa ricordiamo fra i tanti il sacrificio di Federico Del Prete, l'ambulante eroe che fu ucciso per essersi opposto al racket contro le bancarelle : aveva denunciato alla squadra mobile di Caserta che a Mondragone i commercianti pagavano il pizzo al clan La Torre e che a ritirare i soldi era un vigile urbano. Mondragone da tempo immemore lamenta carenze di forza pubblica e di servizi, possibile che invece per Salvini arrivino così tanti agenti?

Mondragone blindata in attesa dell’arrivo di Matteo Salvini
Mondragone blindata in attesa dell’arrivo di Matteo Salvini
1.092 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
61 contenuti su questa storia
Regionali Puglia, Calenda: “Errore sostenere Scalfarotto, dovevamo fare di più con candidato forte”
Regionali Puglia, Calenda: “Errore sostenere Scalfarotto, dovevamo fare di più con candidato forte”
Regionali Valle d'Aosta, delusione per Salvini: Lega primo partito ma va verso l'opposizione
Regionali Valle d'Aosta, delusione per Salvini: Lega primo partito ma va verso l'opposizione
L'attivista Iacopo Melio è campione di preferenze nel collegio di Firenze città
L'attivista Iacopo Melio è campione di preferenze nel collegio di Firenze città
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni