C'è grande schieramento di forze dell'ordine, polizia e carabinieri, a Mondragone, nella provincia di Caserta, dove è atteso l'arrivo di Matteo Salvini. Il leader della Lega, a distanza di pochi giorni, torna dunque nella zona rossa dei palazzi ex Cirio, dove è stato individuato un focolaio di Coronavirus, con circa 70 contagi. Lo scorso 29 giugno, infatti, l'ex ministro dell'Interno era arrivato a Mondragone, ma era stato fortemente contestato e, a causa dei manifestanti contro di lui, era stato costretto a rimandare il suo comizio. "Tra pochissimo sarò a Mondragone per incontrare, tra gli altri, alcuni rappresentanti delle realtà produttive del territorio e in particolare allevatori, agricoltori, balneari, albergatori. La città non può essere ricordata solo per lotte tra bande" ha scritto Salvini su Twitter pochi minuti fa.

Mondragone blindata in attesa dell’arrivo di Matteo Salvini
in foto: Mondragone blindata in attesa dell’arrivo di Matteo Salvini

In attesa che il leader del Carroccio arrivi in città, è massiccio lo spiegamento delle forze dell'ordine, per evitare che si verifichino le tensioni che lo scorso 29 giugno avevano portato a scontri tra polizia e manifestanti, causando il ferimento di uno di loro. Il leader leghista incontrerà, tra gli altri, alcuni rappresentanti delle realtà produttive del territorio e in particolare allevatori, agricoltori, balneari, albergatori. Presente anche il segretario regionale della Lega in Campania, Nicola Molteni. Mondragone è blindata, oltre che bloccata: vietato l'accesso alle automobili su tutto il lungomare cittadino, mentre gli accessi ai pedoni sono contingentati.