439 CONDIVISIONI
Covid 19
29 Giugno 2020
21:25

Salvini a Mondragone, cariche della polizia: ferito un manifestante

Cariche della polizia a Mondragone contro alcuni manifestanti che protestavano contro Matteo Salvini, giunto quest’oggi in città. Il leader della Lega ha poi lasciato Mondragone senza tenere il suo comizio, ufficialmente perché “hanno tagliato i cavi elettrici”. Scontri tra manifestanti e forze dell’ordine: un ragazzo ferito alla testa.
A cura di Giuseppe Cozzolino
439 CONDIVISIONI
Un manifestante ferito quest'oggi a Mondragone durante le cariche di polizia. [Foto C. Benincasa per Fanpage.it]
Un manifestante ferito quest’oggi a Mondragone durante le cariche di polizia. [Foto C. Benincasa per Fanpage.it]
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Finisce con le cariche di polizia il primo giorno di Matteo Salvini a Mondragone: domani il leader della Lega sarà a Castel Volturno per chiudere la due giorni in Terra di Lavoro, dopo una giornata come quella di oggi in cui è avvenuto praticamente di tutto. Contestazioni, lancio di uova e bottigliette d'acqua, cariche della polizia, un comizio saltato: il tutto senza distanze di sicurezza, con qualche mascherina di meno di quelle previste, e assembramenti ovunque.

Le cariche vere e proprie, dopo che nel pomeriggio ve ne erano state soltanto alcune di alleggerimento, sono avvenute nel tardo pomeriggio, quando cioè Matteo Salvini si era già allontanato dopo aver dovuto rinunciare al proprio comizio ("hanno tagliato i cavi elettrici", ha spiegato il leader della Lega), al termine di ore particolarmente incandescenti e non soltanto dal punto di vista climatico. Fin dalla mattinata di oggi erano iniziate le primissime contestazioni per l'arrivo di Salvini, che nel pomeriggio sono aumentate di intensità. Altri cittadini, invece, si sono schierati apertamente a favore dell'arrivo dell'ex titolare del Viminale, manifestandogli sostegno: e lui ha risposto con selfie e qualche chiacchiera, anche senza la mascherina. Al momento del suo arrivo sotto le palazzine ex Cirio, i manifestanti hanno alzato il tiro: urla, slogan ("Vattene", "Sciacallo" ed altri ancora) e lancio di oggetti, in particolare di uova e bottigliette d'acqua. Fino all'annuncio della rinuncia al comizio dovuta, a detta di Salvini, al taglio dei cavi elettrici. Quando poi il leader della Lega si è allontanato, alcuni manifestanti hanno continuato a scandire slogan e urla, fino al momento della carica della polizia, che ha fatto registrare un ferito: un ragazzo che, dopo la carica, si è ritrovato con una vistosa ferita alla testa.

 
439 CONDIVISIONI
32455 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni