Bassolino torna alla carica sulla regolarità della recenti primarie del centrosinistra a Napoli. Ospite alla finestra di approfondimento su Sky Tg 24, l'ex sindaco di Napoli ha ribadito ancora una volta l'opportunità di verificare il voto nei singoli seggi in cui è stato documentato lo scambio di denaro tra consiglieri e votanti. "Che validità può avere il voto di qualcuno che si è sentito dire: ‘Non votare Bassolino'"? ha detto l'ex governatore commentando le presunte irregolarità delle consultazioni dello scorso 6 marzo che hanno visto vincente l'ex pupilla Valeria Valente.

Quanto ai vertici del partito, Antonio Bassolino dice chiaro che il segretario Renzi dovrebbe "interessarsi di persona" della situazioni di Napoli, ovvero esprimersi in maniera netta sulla legittimità delle votazioni. Nei giorni scorsi il premier aveva ammesso che "Ci sono state delle irregolarità, è evidente". Al giornalista Erasmo De Angelis, che gli chiede se non sia il caso di ricucire con il Partito – negli ultimi giorni si è molto parlato di un'ipotesi di una campagna ‘solitaria', con una lista civica – l'ex sindaco ha risposto. "Continuerò la battaglia per far vincere il partito". Proprio ieri Bassolino ha visto respinto il secondo ricorso sulle consultazioni napoletane.