Si è presentata all'ufficio postale e ha cercato di incassare la pensione del marito, nonostante questi fosse morto da 5 anni. Per questo, una donna di 39 anni, già nota alle forze dell'ordine, è stata arrestata dai carabinieri con l'accusa di tentata truffa aggravata e possesso di documenti falsi: è accaduto a Pozzuoli, nella provincia di Napoli. La donna si è presentata in uno degli uffici postali della città con una delega per la riscossione della pensione del coniuge, il libretto di risparmio, la carta di identità e il codice fiscale del marito. L'impiegato allo sportello è stato insospettito dal fatto di non conoscere la donna e dal suo nervosismo e ha allertato i carabinieri.

La donna aveva documenti falsi

Quando i militari dell'Arma sono arrivati nell'ufficio postale hanno accertato che la carta di identità che la donna aveva esibito, nonostante mostrasse effettivamente la sua foto, apparteneva però ad un'altra persona, rivelando inoltre che il marito della 39enne del quale stava cercando di riscuotere la pensione era morto da 5 anni. La donna è stata così arrestata e sottoposta al regime di custodia cautelare agli arresti domiciliari, in attesa di essere giudicata. I carabinieri stanno indagando su altri eventuali tentativi di riscossione della suddetta pensione dal 2015 ad oggi.