L'ondata di caldo africano su Napoli terminerà o no? Abbiamo avuto un maggio sostanzialmente di maltempo e pioggia e un giugno a dir poco torrido, con clima umido e temperature che in molti casi hanno toccato i 40 gradi percepiti nelle ore più calde e nelle zone maggiormente urbanizzate. Bollino rosso, ovvero livello 3 delle ondate di caldo secondo il bollettino medico del ministero della Salute venerdì 28 e nei prossimi giorni, secondo le previsioni meteo più aggiornate la situazione potrebbe leggermente migliorare ma non tanto da consentirci di dire che il gran caldo è passato, anzi.

La situazione meteo è la seguente: il caldo non lascerà Napoli e le prossime settimane saranno in linea con quelle precedenti. Dal portale di previsioni meteo in tempo reale IlMeteo.it emerge che nel capoluogo campano le temperature saranno quasi sempre oltre i 30 gradi almeno fino alla seconda settimana del mese di luglio, con temperature massime che sfioreranno i 35 gradi. Ci sarà sì all'inizio del mese una massa d'aria instabile che potrebbe sostare sull'Italia ma che arrivi al Sud è altamente improbabile.

Ondate di caldo a Napoli, quando e come difendersi

Sono, secondo la tabella stilata dal ministero della Salute, quattro i livelli di emergenza caldo. Per difendersi da queste ondate di calore valgono i soliti consigli: idratazione continua, non esposizione nelle ore più calde del giorno, cercare di tutelare le fasce deboli, ovvero  bambini e anziani e donne in stato di gravidanza.

  • Livello 0 – Condizioni meteorologiche che non comportano rischi per la salute della popolazione

  • Livello 1 – Pre-allerta. Condizioni meteorologiche che possono precedere il verificarsi di un'ondata di calore

  • Livello 2 – Temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione, in particolare nei sottogruppi di popolazione suscettibili

  • Livello 3 – Ondata di calore. Condizioni ad elevato rischio che persistono per 3 o più giorni consecutivi