Rubano il cellulare ad un quindicenne, armati di un grosso punteruolo: ma sono incappati nei carabinieri che, durante un pattugliamento della zona, li hanno intercettati durante la fuga e catturati dopo un breve inseguimento. Per entrambi i ladri, un trentacinquenne di Pozzuoli ed un trentaseienne della provincia di Frosinone, sono scattate le manette.

I due, quando sono incappati nei carabinieri, stavano camminando in Piazzetta Cariati, nei Quartieri Spagnoli di Napoli: alla vista dei militari, però, hanno provato a darsi alla fuga, provando anche a disfarsi di alcune cose. Dopo essere stati raggiunti a piedi dai militari dell'arma, questi hanno scoperto che i due avevano tentato di sbarazzarsi di un un cellulare e di un'arma artigianale, un vero e proprio punteruolo che, si è scoperto, i due avevano ricavato dal manico di un ombrello, trasformandolo in una micidiale arma da punta. Dagli accertamenti, è emerso che i due poco prima avevano rubato proprio il cellulare ad un quindicenne, minacciandolo con l'improvvisato e pericoloso punteruolo. I due arrestati, peraltro già noti alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio, sono stati così portati al termine delle formalità di rito nel carcere di Poggioreale.