Luigi De Magistris, sindaco di Napoli.
in foto: Luigi De Magistris, sindaco di Napoli.

Correre contro Vincenzo De Luca per la carica di presidente della Regione Campania era una "idea concreta", ma alla fine Luigi De Magistris pare averla accantonata, almeno per il momento: rimarrà Sindaco di Napoli fino alla fine naturale del mandato, senza presentarsi alle elezioni. Probabilmente, anche se non sarà il suo il nome sulla scheda, il primo cittadino di Napoli avrà comunque un ruolo in una nuova coalizione, o un movimento politico, che parteciperà alle elezioni regionali del 2020. La dichiarazione durante Cinecittà, il programma in onda su Rai Radio1 condotto da Ilaria Amenta, Gianluca Semprini e Duccio Pasqua.

"Io credo che arriverò alla fine del 2021 – ha detto Luigi De Magistris – quindi farò il sindaco fino alla fine. Però sto lavorando per costruire una coalizione civica regionale". Alle domande dei conduttori, che gli hanno chiesto se intendesse candidarsi, ha risposto: "Penso di no. Sto lavorando per costruire un campo largo che sia alternativo a De Luca da una parte e all'estremismo di Salvini a destra. Sono più interessato a un progetto nazionale, da quello che ho visto negli ultimi giorni, negli ultimi mesi. Vorrei portare a compimento il mio mandato di sindaco perché la città lo merita."

A marzo De Magistris aveva fatto intendere che c'erano buone possibilità che si candidasse per le regionali come sfidante di De Luca. Nel corso di un'intervista rilasciata a LaPresse per il forum PoliticaPresse aveva detto che avrebbe preso la decisione in estate, ma che la sua candidatura a presidente della Regione Campania per le consultazioni del 2020 era "una idea concreta".